Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

La Signora del Blues. Vita di Billie Holiday

Teatro Stanze Segrete Via della Penitenza 3, Roma, Italia
Google+

LA SIGNORA DEL BLUES. Vita di Billie Holiday
con Daniela Barra
testo Massimo Roberto Beato
regia Jacopo Bezzi

Prima Nazionale, dal 29 aprile al 18 maggio 2014, al Teatro Stanze Segrete

Dopo il successo della scorsa stagione – che l’ha vista in scena con un testo sulla vita di Edith Piaf – Daniela Barra torna al Teatro Stanze Segrete, con uno spettacolo omaggio alla vita e alla carriera musicale della grande interpre te Billie Holiday. Questo “one woman show” ha come protagonista la musica, anche grazie alle amichevoli incursioni jazz degli artisti del LEDA Jazz Collective, coordinato dal giovane batterista Alessandro d’Anna. Ogni sera sarà possibile assistere ad una performance diversa, attraverso un dialogo continuo tra musica e parole, per creare ogni volta un evento unico.
“Non posso cantare la stessa canzone nello stesso modo due sere di seguito. Se questo accade allora è virtuosismo tecnico. Ma non è musica” B.H.
Una biografia cantata e raccontata attraverso lo sguardo e la voce di Daniela Barra, interprete eclettica e versatile che condurrà lo spettatore attraverso i ricordi, gli aneddoti, le curiosità e le canzoni di un’artista unica fra le più grandi di tutti i tempi nei generi jazz e blues, senza per questo rinunciare ad avere anche uno sguardo attuale sulla condizione della donna e sui temi dell’emarginazione. Un dolore espresso e mai ostentato, quello della Holiday, un carattere forte e deciso che la avvicina alle moderne “donne di ferro” di più recente memoria. Per Jeanne Moreau "in un solo coro sapeva esprimere più emozioni di quante molte attrici possano darne in tre atti".
Uno spettacolo asciutto ma denso di significati e rimandi, dalla violenza sulle donne al problema della discriminazione razziale dell’America dei primi del ‘900, raccontati con la classe e l’eleganza di un testo e di una messinscena che cerca di restituire quell’occhio attento di un’artista di protesta di cui ancora oggi il mondo sente fortemente il bisogno.

Veniteci a trovare
dal 29 aprile al 18 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: