Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

S-manìe a It Festival

La Fabbrica del Vapore Via Procaccini 4 / Via Luigi Nono 7, Milano, Italia
Google+

di e con Elena De Carolis
e con Carolina Cangini
musiche a cura di Irene Elena
luci Max Mugnai
tecnico Matteo Rubagotti
costumi Filiberto Piva
voci di Irma Ridolfini e Michele Zaccaria
con la collaborazione di Elisa Cuppini

www.agaveteatro.it

S-manìe è uno spettacolo tratto da “Le smanie per la villeggiatura di Goldoni”.

S-manìe indaga una tematica senza tempo, l’ossessione per l’apparire, per quello che dicono gli altri, essere come si pensa gli altri ci pensino. Il condizionamento sui gusti e sulle scelte, la bulimia del possedere, il più possibile, fino alla rovina.
Il nostro lavoro indaga il modo in cui il desiderio diventa una manìa, quello che una donna può essere disposta a fare per apparire come una delle donne più in vista della città.
Il lavoro parte da un punto di vista: quello di Vittoria. Tutto quello che accade e la relazione con gli altri personaggi sono il suo punto di vista, si parte dalle sue smanie, le sue manìe, le sue aspirazioni, la sua invidia i suoi modelli.
È un lavoro al femminile, non solo perché i due corpi in scena sono femminili, ma perché il mondo di riferimento è quello della vanità, della sensibilità, della sensualità femminile. Quell’essere donna che si compone di eleganza, delicatezza, fragilità e al tempo stesso di un’incredibile forza, determinazione, ferocia.
Due donne, Vittoria e Giacinta, che anelano alla perfezione, a un primato assoluto. Un universo femminile in cui sotterranea serpeggia una presenza maschile, che pur nella sua assenza agisce per contrasto, agisce come stimolo esterno, come condizionamento.
Una messinscena semplice e atemporale, del tutto allusa.
Un libero collage del testo e altrettanto libero adattamento, manteniamo le parole di Goldoni, il suo linguaggio, per parlare di oggi.

Veniteci a trovare
il 2 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: