Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Prove aperte "HO FATTO UN BAMBINO"

Teatro di Villa Torlonia Via Lazzaro Spallanzani, 5, Roma, Italia
Google+

Prove aperte dello spettacolo
HO FATTO UN BAMBINO
tratto da “Making babies” di Anne Enright
Adattamento di Fortunato Cerlino, Gianluca Greco, Teresa Saponangelo
Traduzione di Valentina Rapetti
Con Teresa Saponangelo e Lino Musella
Regia: Fortunato Cerlino
Assistente alla regia: Stefano Patti
Scene e Costumi: Barbara Bessi
Disegno Luci: Gianluca Cappelletti
Creazione Audio: Filippo Barracco
Creazione video: Germano Boldorini
Foto di scena: Azzurra Primavera
Organizzazione: Ludovica Del Bono
Tecnico luci: Samuele Ravenna

Il progetto "Ho fatto un bambino" prende le mosse dal diario della scrittrice irlandese Anne Enright. L’adattamento racconta la storia di una maternità dall’inizio della gravidanza fino al compimento del secondo anno del bambino ma, diversamente dal libro, propone anche il punto di vista maschile. Partendo dal testo letterario, ma arricchendolo di ricerche e interviste, lo spettacolo è una riflessione sul tema della maternità e della paternità, ricca di ironia e spunti comici.
«C’è chi ha definito la nostra – afferma Fortunato Cerlino – come l’epoca del narcinismo, dell’uomo felix, ipermoderno, iperedonistico. Un’epoca in cui non c’è spazio per un erede, perché il ruolo dei genitori si confonde con quello dei figli e la soddisfazione con il desiderio. Alice e Martino sono due nuovi giovani del nostro tempo, alla soglia dei quarant’anni, con un’idea fragile di futuro. I due si misurano con la possibilità,
il desiderio, la paura di avere un bambino. La loro unione si apre ad un confronto-scontro che li costringe a mettere in discussione le loro vite, la loro coppia, il loro futuro».

---

Progetto realizzato in collaborazione con Roma Capitale, Sistema “Casa Dei Teatri e della Drammaturgia Contemporanea” e Zètema Progetto Cultura s.r.l. nell'ambito del progetto Residenze Creative.

Veniteci a trovare
dal 27 al 29 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: