Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

COME GUERRIERI SENZA SPADA al Torino Fringe Festival

Officine Creative Cecchi Point Via A.Cecchi 17/21 , Torino, Italia
Google+

(ATTENZIONE: in fondo a questo evento troverete tutte le indicazioni per la prenotazione e l'acquisto dei biglietti!!!)

Lorena La Rocca dopo aver contribuito alla realizzazione di “ConversAzioni” ha cucito una nuova partitura scenica nata dal laboratorio “NarrAzioni Teatrali” del Centro Afasia C.I.R.P. - Fondazione Carlo Molo Onlus, che ha accolto, accanto alle persone con afasia, alcuni giovani studenti in formazione del Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche e Logopedia: futuri professionisti della cura.

Produzione
Fondazione Carlo Molo Onlus

Ideazione e regia
Lorena La Rocca

In scena
Fabiano Angioni, Angela De Guglielmi, Aldo Falsetti, Lina Ficarra, Francesco Fissolo, Simone Gallizio, Adriana Muscau, Eveline Nanescu, Pierluigi Patrignani, Antonietta Pusceddu, Bruno Sandrino, Manuela Stefano, Cristina Vogel, Simone Zamarian

E con la partecipazione di
Fabrizio Stasia e Federica Tripodi

Musiche originali
Davide Sgorlon

Fotografie
Silva Rotelli

Ricerca drammaturgica
Lorena La Rocca con Marida Bruson e Pino Fiumanò

Supervisione e coordinamento
Stefano Monte, Patrizia Massariello

Voci narranti
Renato Comitangelo, Bruna Parodi

Luci e audio
Claudio Albano


COME GUERRIERI SENZA SPADA

E' un racconto per quadri teatrali che si sviluppa attraverso azioni fisiche e partiture gestuali composte dal gruppo laboratoriale, per dare forma estetica al silenzio della persona afasica e raccontare la battaglia quotidiana di chi vuole farsi ascoltare.

Il rapporto con la malattia è stato raccontato agli studenti ripercorrendo le tappe del difficile percorso riabilitativo vissuto dalle persone afasiche. Studenti e persone con afasia, scambiando le loro esperienze, giungono a rappresentare il sistema ospedaliero da una duplice e diversa prospettiva, scoprendo un altro concetto di cura e di relazione.

I materiali artistici emersi dal laboratorio durato circa un anno, sono stati plasmati per raccontare l’afasia utilizzando diversi linguaggi espressivi: musica, fotografia e azione fisica si sostituiscono alle parole. Le musiche originali di Davide Sgorlon, e in particolare i ritratti fotografici di Silva Rotelli, sono frutto di precedenti percorsi espressivi sull’uso della voce e della mimica facciale nella comunicazione. La fotografia testimonia la trasformazione delle condizioni emotive dei partecipanti afasici, ed è stata utilizzata come mezzo di dialogo e narrazione in un’ottica di rafforzamento dell’identità personale e sociale.

IL TEATRO COME FORMAZIONE: dalla parte degli studenti

Nel corso del laboratorio i futuri infermieri e logopedisti, e le persone con afasia hanno lavorato fianco a fianco producendo testi, azioni, e racconti sui limiti e le risorse di una relazione di cura che passa per l’ascolto del silenzio.
Attraverso la testimonianza diretta dei pazienti che hanno vissuto l’ospedalizzazione e il trauma del cambiamento improvviso, determinato dall’ictus e dall’afasia, è stato possibile formare sul campo gli studenti ad un’attenta e specifica comunicazione con la persona afasica.

IL TEATRO COME CURA E STRUMENTO DI INCLUSIONE: dalla parte delle persone afasiche

Gli specifici percorsi di comunicazione segnico gestuale proposti dal laboratorio sviluppano azioni che si trasformano in testi. Questi testi spesso fanno emergere dei grandi non detti e permettono alle persone con afasia di esprimersi e comunicare mediando la difficoltà con l’approccio ludico del teatro.

Le persone con afasia prendono consapevolezza che un’altra comunicazione (extra verbale) è possibile sollevandole dal disagio del deficit subito e ritrovando un nuovo modo di relazionarsi con l’esterno.

IL CENTRO AFASIA C.I.R.P. della Fondazione Carlo Molo Onlus

Dal 2004 lavora in continuità con i servizi territoriali e ha come obiettivo la presa in carico delle problematiche psicologiche, comunicative e sociali di persone con afasia e dei loro familiari.

Il Laboratorio di Teatro Sociale, attivo presso il Centro dal febbraio 2010, si propone di stimolare nelle persone con afasia modalità espressive non verbali. Partendo dalle risorse comunicative dei partecipanti vengono attivati percorsi che permettono di tradurre i contenuti verbali in azioni fisiche o mimiche. L’acquisizione di elementi di comunicazione segnico-gestuale permette di porre le basi per conoscere e sperimentare una diversa possibilità narrativa. Si tratta di una vera e propria ricerca-intervento condotta in équipe dall’operatrice di Teatro Sociale e dagli psicologi/psicoterapeuti del Centro Afasia C.I.R.P.

I gruppi sono condotti da Lorena La Rocca - mediatrice di Teatro Sociale e di Comunità e tecnico della comunicazione (LIS)- in presenza di uno degli psicologi/psicoterapeuti del C.I.R.P. che assicura la continuità della presa in carico e il monitoraggio dello stato psicologico dei partecipanti.

BIGLIETTERIA

È POSSIBILE PRENOTARE I BIGLIETTI DAL 15 APRILE TELEFONICAMENTE CHIAMANDO I NUMERI: 388.3425483 / 366.9354219
OPPURE MANDANDO UNA MAIL ALL’INDIRIZZO: BIGLIETTERIA@TOFRINGE.IT

ACQUISTO BIGLIETTI E ABBONAMENTI

Biglietteria: Amantes
via Principe Amedeo 38
Attiva dal 2 maggio al 12 maggio tutti i giorni dalle ore 14:00 alle ore 21:00.

I biglietti per gli spettacoli in scena la sera stessa possono essere acquistati presso la biglietteria entro le ore 17:00 (oppure dalle 17:30 direttamente presso il locale dello spettacolo).
Presso i locali durante il Festival, dalle ore 17:30: si possono acquistare solo i biglietti per gli spettacoli in programma nel locale stesso.

BIGLIETTI: TIPOLOGIA E PREZZI

INTERO : € 8,00

BAMBINI : (fino a 8 anni) € 2,00

CARNET ONESTO: (5 biglietti) € 35,00

CARNET 30 E LODE: (riservato agli studenti fino a 26 anni) € 30,00

CARNET KAMIKAZE: (accesso illimitato a tutti gli spettacoli in qualsiasi spazio.
Garantisce un posto riservato anche senza prenotazione e dà il diritto ad agevolazioni e sconti)
€ 120,00
Gli abbonamenti sono acquistabili esclusivamente in biglietteria.

In tutti i Circoli ARCI che accolgono gli spettacoli TO.FRINGE, durante i giorni del Festival negli orari di spettacolo, NON sarà richiesta la tessera ARCI.
Per gli spettacoli Tostreet non è previsto biglietto e non è necessaria la prenotazione.

INFO POINT
Università degli Studi di Torino
Via Po 29

PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Fondazione Carlo Molo Onlus
Tel. 011.8171483
progetti@fondazionecarlomolo.it
www.fondazionecarlomolo.it
Centro Afasia C.I.R.P.
Via Sacchi 42/E, 10129 Torino- Tel. 0115096230
centro.C.I.R.P.@libero.it - www.fondazionecarlomolo.it

Veniteci a trovare
il 4 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: