Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

"God" di Woody Allen

Centro Ricreativo Culturale - Utopya- Abano Terme via Donati 1 , Abano Terme PD, Italia
Google+

Presentazione

Una non-commedia esilarante che mischia Antica Grecia e Broadway.
Siamo infatti in un palcoscenico del 500 a.c. in pieno Festival Ateniese del dramma e due bizzarri artisti , Epàtite e Diàbete non sanno arrivare al finale della loro Commedia.
Ultima e disperata ipotesi la presenza di una macchina in scena che conduce Dio in palcoscenico, il fatidico deus ex machina, ma il macchinario si inceppa sul finale, provocando la morte del dio tra gli ingranaggi.
L’intero dramma è denso di trovate metateatrali: non mancano infatti le interazioni con un pubblico di personaggi moderni, da Doris Levine, ragazza di origine ebraica che chiede ai due artisti di poter entrare nella loro compagnia, a Blanche Du Bois di “Un tram che si chiama desiderio” che, fuggita appunto dal dramma di Tennessee Williams, vorrebbe inserirsi nel loro spettacolo avendo saputo della presenza di Dio nella commedia.


Note di regìa

La connotazione anarchica del testo partorisce il caos, propugnatore a sua volta della forma di autodistruzione, effetto della costante e spasmodica azione teatrale capace di trasformarsi in un mostro che divora se stesso, mentre l’ Autore con verosimiglianza consacra una satira sul teatro, sovente accusato di autoreferenzialità.
Ho fronteggiato la complessità del testo con la modestia di tracciare sul palcoscenico una sorta di mappa senza tempo ove i protagonisti sono vorticosamente condannati a muoversi, il “coro” ereditato dalla tragedia greca, simbolo della coscienza collettiva e diretto interlocutore, quasi si prende gioco della coscienza stessa, mentre la morte di Dio ci conduce a nichilistiche riflessioni.
Causa il finale aperto, la ciurmaglia in scena potrebbe cadere in un moto perenne senza mai approdare a nessuna meta, ma questa è la verità del testo da cui dover partire…”il trucco è di cominciare dal finale quando si scrive una commedia” …parola di Diàbete.
Scriveva Bertolt Brecht :
“il teatro non è la realtà, il teatro descrive la realtà per metterla in discussione”

Veniteci a trovare
il 3 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: