Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

LA TANA DELLA IENA @ ALTROVE - Teatro della Maddalena

Altrove - Teatro della Maddalena Piazzetta Cambiaso 1, Genova, Italia
Google+

Venerdì 9 e Sabato 10 Maggio 2014, ore 21.00
biglietto 10€/ Ridotto 8€

STAGIONE TEATRO ALTROVE 2103/2014
a cura di Narramondo Teatro

Storia di un ragazzo palestinese
dal libro “la tana della iena” di Hassan Itab
con Carlo Orlando
musiche in scena Simone Martino
produzione Narramondo Teatro

Nessuno racconta che un bambino di nove anni in Palestina ha davanti a sé un solo destino: la guerra.
Nessuno racconta che a quell’età è già costretto a difenderela propria terra, la propria libertà e la propria vita.
Con “La Tana della iena” Narramondo Teatro raccontala storia di un bambino palestinese che lotta.

E’ Hassan che ci parla dal carcere romano in cui è
rinchiuso. Lo seguiamo in un viaggio a ritroso nel tempo, un viaggio che parte da quella bomba lanciata in via Bissolati che gli è costata diciott’anni di prigione, passa per la scuola militare, iniziata a nove anni, e si spinge indietro fino all’infanzia trascorsa nel campo profughi di Sabra e Chatila, dove nel 1982, grazie alla copertura dell’esercito israeliano, i falangisti uccisero sua madre e i suoi fratelli, insieme a migliaia di altri palestinesi.
Raccontare “La tana della iena” rappresenta una doppia sfida. Una sfida per il narratore, che deve vincere il disagio di raccontare una storia scomoda, la storia di un ‘terrorista’.
Una sfida per l’ascoltatore-spettatore, che viene messo, grazie alla narrazione secca e mai compiaciuta, davanti ad una storia che lo porta a mettere da parte i suoi pregiudizi.

L’AUTORE:
nato nel campo profughi di Chatila da una famiglia di Gerusalemme costretta a fuggire dal 1948, nella strage del 1982 perde sua madre, sua sorella e due suoi fratelli, Fadi quattordicenne e Ahmed di appena un anno e mezzo.
Poco dopo, suo padre muore in un’imboscata. Così, a nove anni è pronto entrare nella scuola militare e diventare Figlio del Leone. Nell’Europa dei grandi, ci arriva quindicenne, non conoscendo né lingua né
luoghi, ma è pronto per compiere un attentato ad un
ufficio delle linee aeree britanniche a Roma, in via Bissolati. Subito dopo viene arrestato e detenuto prima a Casal di Marmo, poi nel carcere minorile a Rebibbia. Qui incontra altre storie, altri ragazzi che si trovano lì ma per motivi diversi dai suoi, con una cultura e una religione differenti. In carcere impara e
leggere e a comincia a scrivere, per raccontare la
sua storia.

Veniteci a trovare
dal 9 al 10 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: