Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

BRESCIA, PRIMO MAGGIO: CORTEO ANTAGONISTA e dell'opposizione sociale! Una sola grande opera: casa -

Piazzale Giuseppe Garibaldi Piazzale Giuseppe Garibaldi - Brescia, Brescia BS, Italia
Google+

GIOVEDI' 1 MAGGIO 2014
BRESCIA - ore 9.00 Piazza Garibaldi
CORTEO ANTAGONISTA E DELL'OPPOSIZIONE SOCIALE
Contro austerity e precarietà, una sola grande opera: casa - reddito - salute - dignità per tutte e tutti!
#nojobsact #nopianocasa #stopsfratti #stopbiocidio #notav
------------------------------------------------------------------------

BRESCIA, PRIMO MAGGIO: CORTEO ANTAGONISTA E DEI MOVIMENTI CONTRO AUSTERITY E PRECARIETA'

Dopo il nuovo assedio ai palazzi del potere a Roma, quello del #12A, i movimenti contro austerity e precarietà hanno già rilanciato la mobilitazione nei territori partendo dal Primo Maggio di questo 2014. Il sesto dall'inizio della crisi. Sarà una giornata di mobilitazione che seguirà le direttrici tracciate a partire dal 19 Ottobre dello scorso anno e che si pone di riaffermare nei territori le parole d'ordine nette che oggi uniscono i movimenti contro la gestione neoliberista della crisi, contro la precarietà e contro le devastazioni ambientali; una sola grande opera: casa, reddito, dignità e salute per tutte e tutti. Una voglia di scendere in piazza, ed iniziare a riconquistare e costruire collettivamente presente e futuro, che ha ben chiaro il quadro di assoluta devastazione ed emergenza sociale che attanaglia il paese reale e chi è costretto a vivere la quotidianità della crisi, e non si fa certo abbindolare dalle velleità di rinnovamento che reggono il discorso renziano.

La disoccupazione è al 14% (quella giovanile prossima al 50%) e chi lavora è sempre più ostaggio di contratti precari quando non schiavistici. Ed è in questo, collaudato, percorso legislativo che si inserisce il jobs act del governo Renzi che, con la promessa di poche briciole, demolisce i diritti rimasti, sospende di fatto l'art. 18 per gran parte dei lavoratori e, non contento, taglia ulteriormente i fondi destinati alla sanità pubblica. Questo provvedimento non contiene nulla di innovativo, è la conclusione di un percorso di precarizzazione totale della forza lavoro e della vita delle persone e il coronamento di un sogno per tutti i padroni del paese (basti pensare alla possibilità di rinnovare praticamente all'infinito i contratti di apprendistato nei primi tre anni di rapporto lavorativo).

Sono sempre più numerose le persone che non riescono più a pagare gli affitti o i mutui e si ritrovano vittime dei pignoramenti o degli sfratti per morosità incolpevole che negli ultimi anni hanno subito un'impennata scatenando una vera e propria emergenza abitativa. Brescia è stata nel 2012 all'8° posto nella graduatoria con il più alto numero di sfratti. In risposta all'emergenza, aggravata dall'inesistenza di risposte concrete da parte delle istituzioni, i movimenti per il diritto alla casa si sono diffusi nell'ultimo periodo in tutta Italia realizzando ogni giorno picchetti antisfratto ed occupando centinaia di stabili lasciati sfitti e abbandonati alle speculazione immobiliare, dando un tetto a migliaia di persone (solo a Brescia, città di medie dimensioni, esistono 3 occupazioni abitative che danno un tetto a più di 80 persone).
Per il governo Renzi, però, il problema non è l'impossibilità di avere un tetto sopra la testa per vivere dignitosamente. Il problema è chi occupa le case abusivamente. Per questo ha presentato un "piano casa", che sarebbe il decreto Lupi, che tutela i soli interessi dei privati, incoraggia la rendita, la svendita del patrimonio pubblico ed il consumo di suolo. Tra un regalo agli speculatori e l'altro inserisce inoltre l'articolo 5: una dichiarazione di guerra ai movimenti per il diritto alla casa. In questo punto, infatti, si vieta la concessione di utenze (acqua, luce e gas) e residenze alle occupazioni abusive.

Per non parlare del pluri-massacrato mondo della formazione che continua ad essere la fabbrica dei futuri lavoratori flessibili ed intercambiabili. Le prove invalsi, per citare un aspetto significativo, non sono altro che la consacrazione del modello scuola-azienda in cui, allo sviluppo di saperi critici, si contrappongono efficienza, produttività e competitività.

In particolare nel nostro territorio, poi, a tutte queste nocività sociali si aggiungono, con numeri da podio europeo, quelle ambientali: discariche, inceneritore, PCB, diossine, amianto, cromo nell'acqua, TAV e chi più ne ha più ne metta...

Il nostro Primo Maggio parlerà di tutto questo, ma con il punto di vista di tutti quei soggetti che han deciso di lottare per conquistare dignità e diritti sociali.


Un 1° Maggio, quello di quest'anno, che rischia di essere insozzato dalla fastidiosa provocazione dei neofascisti della compagine giovanile di Forza Nuova, Lotta Studentesca. Questi poveri deficienti, che ogni tanto cercano di riemergere dalla pattumiera della storia, hanno annunciato un "corteo contro la disoccupazione giovanile" dietro il quale nascondono le solite fregnacce razziste e liberticide in difesa dei valori tradizionali della patria, della famiglia e della religione (come se questi fossero una via d'uscita sensata dallo sfruttamento e dalla disoccupazione!!)

Naturalmente dichiariamo fin da ora che, a poche settimane dal 40esimo anniversario della strage fascista e di Stato di piazza della Loggia, e nella giornata storica di festa e lotta dei lavoratori internazionalisti, anticapitalisti e rivoluzionari, non accetteremo questa presenza.

PER UN PRIMO MAGGIO METICCIO, ANTAGONISTA, ANTICAPITALISTA, ANTIFASCISTA

PER UN PRIMO MAGGIO CONTRO AUSTERITY E PRECARIETA'

PER UNA SOLA GRANDE OPERA: CASA - REDDITO - SALUTE - DIGNITA' PER TUTT*

GIOVEDI' 1 MAGGIO - ore 9.00 PIAZZA GARIBALDI

Veniteci a trovare
il 1 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: