Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Nessuno mai potrà + udire la mia voce di Deborah Riccelli

Feltrinelli point Altamura Via Vittorio Veneto 69, Altamura BA, Italia
Google+

Intervengono:
l' autrice Deborah Riccelli
Vito Dalano Associazione Service Security Operators Sicurezza
Avv. Maria Grazia D'Ecclesiis Coordinatrice Progetto Legalità Comune Altamura
Ninni Cosma Editore Palomar

Si può morire per amore? Una domanda che probabilmente si pone chi nutre un sentimento non corrisposto o chi è stato lasciato dalla persona che amava. Risposta che l’autrice rifiuta possa rappresentare una qualsiasi giustificazione, se non farneticante, a coloro che “uccidono” non per amore ma solo per possesso e brama dell’avere. La nostra autrice cancella senza esitazioni, tutte le convenzioni di una narrativa di “routine”, lasciando la parola a Francesca, trovata nuda in un fienile. L’autrice dona la parola alla vittima, che grazie ad una vita “post mortem” fa da cronista al suo omicidio e nel contempo a tutte quelle vittime rimaste silenziose a cui bisogna dare una storia di verità: da Veronica, Antonella, Luciana e Santa.
Fatto assolutamente insolito è che la macchina da presa punta il suo obiettivo non sull’io narrato, protagonista della storia passata ma sull’io che narra, sulla sua attuale, straordinaria esperienza memoriale “post mortem”. Riemergono nella sua coscienza come se non avessero mai abbandonato il flusso della sua vita i momenti felici della breve esistenza, la consapevolezza acquisita, l’incredulità per la violenza subita, la volontà di giustizia per le tante altre vittime: la riflessione e l’esame di coscienza sono demandati al lettore.

Veniteci a trovare
il 13 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: