Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

La famiglia nel processo migratorio, tra distanze e ricongiungimenti

Sala del Mappamondo - Camera dei Deputati Roma, Italia
Google+

In occasione della 20° Giornata Internazionale della Famiglia l’on. Khalid Chaouki, in collaborazione con A.D.R.I. – Associazione delle Donne Romene in Italia e SOLETERRE – Strategie di Pace ONG Onlus promuove il Convegno: “La famiglia nel processo migratorio, tra distanze e ricongiungimenti”.

Nello scenario delle migrazioni internazionali, la mobilità familiare è diventata un fenomeno sempre più rilevante: famiglie che si separano (per conflitti o per motivi economici) e che si ricongiungono, tracciando e animando spazi sociali transnazionali, segnati da relazioni a distanza (di natura affettiva, culturale ed economica) che impattano sullo sviluppo tanto dei Paesi di origine che di destinazione.

Il fenomeno a livello internazionale è aumentato negli anni per effetto di una crescente migrazione femminile: donne madri, che emigrano per prime e da sole, in vista di una prospettiva economica migliore, al fine di un inserimento lavorativo nel settore domestico e dei servizi di cura alla persona. Le possibilità di conciliazione con la vita familiare nel paese d’origine sono però scarse o nulle. Si lasciano indietro infatti, nel proprio Paese di origine, figli, mariti, genitori anziani, per il cui sostentamento economico affrontano le fatiche di un lavoro gravoso e della distanza emotiva e di cura dai propri cari.

Questo fenomeno ha portato a quella che molti psicologi chiamano “Sindrome Italia”, una grave forma di depressione sempre più diffusa che colpisce non solo le donne che svolgono mansioni da badanti in Italia ma anche i loro figli “orfani bianchi” di una madre assente, bambini che crescono con i nonni e vengono messi a letto via skype da una mamma a 3000 chilometri di distanza.

Questo malessere sociale delle madri migranti chiede di essere riconosciuto e fronteggiato a livello internazionale.

Roma, Venerdì 9 maggio 2014 - ore 10.00-13.00
Sala del Mappamondo, Camera dei deputati

Introduzione e saluti
Khalid Chaouki, Deputato PD, Coordinatore Intergruppo Immigrazione
Dana-Manuela Constantinescu, Ambasciatore della Romania in Italia
Yevhen Perelygin, Ambasciatore dell’Ucraina in Italia

Interventi di:
Silvia Dumitrache, presidente ADRI – Associazione Donne Rumene in Italia
Alessandro Baldo, direttore SOLETERRE – Strategie di Pace onlus
Franco Aloisio, presidente CIAO Romania – Comitato Italiano delle Associazioni e ONG in Romania

Interventi di:
Giuseppe Casucci, Responsabile Immigrazione UIL
Natale Forlani, Min. del Lavoro, Direzione Generale dell'immigrazione e delle politiche di integrazione
Raffaella Maioni, Responsabile Nazionale Acli Colf
Paola Panzeri, Policy Officer COFACE – Confederazione delle Organizzazioni Familiari della Unione Europea
Livia Turco, presidente Fondazione Nilde Iotti

Conclude:
Domenico Manzione, Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Interno


Modera: Imane Sabbah, Giornalista RaiNews 24

Veniteci a trovare
il 9 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: