Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Viaticum, la fotografia di Loredana Guinicelli

Techne Contemporary Art Via Dei Correttori, 6, Reggio Calabria RC, Italia
Google+

Loredana Guinicelli presenta presso Techne ContemporaryArt una selezione di fotografie.

testo di presentazione a cura di Jasper Wolf


Navi e coltelli.
L’artista Loredana Guinicelli immerge la sua lente nella distorsione visiva, non scevra dall'ambiguità, tracciando traiettorie che attraverso i simboli raggiungono l'onirico. Il viatico, relazionato al viaggio o al trapasso, perde il significato originario esaurendo la sua funzione “vitaminica”.
Al viaggio sostentato, fortificato dal nutrimento della convenzione e della narrazione sequenziale, l’artista risponde con un found footage, un collage d’immagini alimentato da gambe penzoloni, rassicurate dal nailon delle calze e circondate dagli "oblò" casalinghi di pantofolai argonauti persi nel sogno, da teschi-apparato anatomizzati e sacralizzati nella consuetudine.
S’incrociano oggetti e luoghi in quell’ironia soddisfatta che chiude il suo apice capovolto nella finzione di un coltello “fuori posto”.
È il metodo del collezionista compulsivo, quello seguito dalla Guinicelli. Asporta frammenti dalla realtà e ogni immagine diviene pretesto e traccia per qualcosa che potrà accadere. L’affabulazione estetica di case, navi, coltelli e gambe sono lettura d’insieme, reportage mentale. Sta nell’uso di una logica di decostruzione narrativa la partecipazione a una cosmologia dai confini indistinti e ironici.
Le dieci opere presentate hanno la potenza del ricordo frammentato che, come tale, è patrimonio anche della nostra mente vigile. La lucidità del dettaglio diventa potente quando l'artista “ricompone” mnemonicamente la facciata di un palazzo elaborandone la simmetria… così non è più la misura collettiva ma il dominio individuale a diventare storia universale fatta di fame di corpi sospesi nell'allusa vacuità, o di navi in transito nell’illusione del viaggio. È nel suo potenziale immobile di cruciale ortodossia figurativa, che sta il nutrimento del suo e, in questo caso, del nostro viaggio. JW

Veniteci a trovare
il 5 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: