Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Cinema e realtà: NELLA CASA DI BORGO SAN NICOLA

Cinema Multisala Massimo Viale Lo Re, 3, Lecce LE, Italia
Google+

Multisala Massimo, sala 1 h. 21:00

Incontro con

Caterina Gerardi, regista

Silvia Beraldini, ex detenuta politica negli U.S.A.

Margherita Michelini, direttrice carcere di Firenze

in collaborazione con

La Casa delle Donne di Lecce

A seguire la proiezione del film:

NELLA CASA DI BORGO SAN NICOLA CON LE DONNE, NEL CARCERE

Italia – 2008 – colore – 62’

Regia: Caterina Gerardi

Cinematografia: Caterina Gerardi

Montaggio: Caterina Gerardi

Musica: Meredith Monki

Interviste di: Caterina Gerardi, Sandra del Bene, Rosamaria Francavilla

Filmato autoprodotto

Pensa MultiMedia, Lecce

SINOSSI

Girato nel carcere femminile di Lecce, questo lavoro – senza prevenzioni e senza indulgenze, attraverso interviste ed incontri – indaga la vita, le considerazioni, le aspettative e le nostalgie di un gruppo di donne detenute in regime di Alta Sicurezza.

Caterina Gerardi sostiene che “il carcere non è per le donne”.



NOTA DI REGIA

“Nella Casa di Borgo San Nicola racconta le storie di alcune detenute del circuito di Alta Sicurezza del carcere di Lecce. In questa sezione vengono recluse donne accusate di essere parte di organizzazioni criminali di stampo mafioso.

All’inizio il progetto era stato presentato, illustrato e discusso in più incontri con tutte le donne recluse. Alla fine però le maggiori adesioni sono arrivate dalle detenute dell’Alta Sicurezza, con le quali il film è stato realizzato.

Le protagoniste del film sono donne in media piuttosto giovani, grintose, alcune con un buon livello di scolarizzazione, quasi tutte con figli.

Il film riporta anche le parole di altre due donne: quelle forti, efficaci e convincenti di Silvia Baraldini, ex detenuta politica negli Stati Uniti, registrate da me durante un dibattito pubblico e quelle della dott.ssa Anna Rosaria Piccinni all’epoca direttrice del carcere che, coraggiosamente, ha permesso e facilitato la realizzazione del film”.



PREMI E FESTIVAL

2008 Cinema Indipendente delle Donne IF – Documenti: 2° Premio

Veniteci a trovare
il 30 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: