Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

GEA Miniartextil FILM: FATA MORGANA di Werner Herzog

Villa Olmo Via Simone Cantoni, 1 , Como CO, Italia
Google+

Evento collaterale alla 24° edizione di GEA miniartextil, mostra d'arte contemporanea in corso a Villa Olmo (Como) fino al 2 giugno 2014.

Serate di cinema realizzate in collaborazione con LAKE COMO FILM FESTIVAL 2014.
Ingresso ore 21.00
Costo 7 euro - gratuito abbonati LunedìCinema Film Studio.
Info: www.miniartextil.it - artearte@miniartextil.it - 031 305621

FATA MORGANA di Werner Herzog
Regia: Werner Herzog. Soggetto e sceneggiatura: Werner Herzog. Fotografia: Jörg Schmidt-Reitwein. Montaggio: Beate Mainka-Jellinghaus. Musiche: Händel, Mozart, Blind Faith, François Couperin, Leonard Cohen, The Third Ear Band. Germania 1970. 79 minuti.

Herzog gira il film nell'Africa sahariana meridionale, il Kenia, la Tanzania, le Canarie e la Guinea. Il racconto è diviso in tre parti: La creazione - Il paradiso - L'età dell'oro, tratte dal testo sacro degli Indios del Guatemala "Popul Vuh", e vuole essere un punto nuovo di osservazione del mondo, da un'angolazione non più legata alla complessa cultura occidentale, ma scritto con metafore ingenue, semplici, in relazione con alcuni antichi miti religiosi, il contrasto con i quali testimonia del brutale passaggio dell'uomo occidentale su terre non sue, sulla sua arrogante concezione del civile che sembra sempre soffrire nelle sue radici più inconsce di un tribale rimosso che il film porta alla luce come verità ormai negativa, fantasma ineludibile dell'alienazione occidentale, i cui contenuti frantumati sono irrecuperabili all'integrità del vivere, lontani dalla semplicità delle pulsioni tribali ancora in vita, ben incarnate dalle popolazioni più rappresentative del deserto. Il film risulta il primo di una futura trilogia di cui faranno parte anche "Apocalisse nel deserto" (1992) sullo stesso filo di "Fata Morgana", e "L'ignoto spazio profondo" (2005) racconto fantascientifico di un alieno Dourif proveniente da un altro pianeta.

Veniteci a trovare
il 8 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: