Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

CHIUDERE I CIE - Assemblea Pubblica@Làbas Occupato

Labas Bologna, Italia
Google+

NO AL CENTRO DI DETENZIONE
PER MIGRANTI VERSO LA MANIFESTAZIONE DEL 18 MAGGIO!

Il Ministero dell'Interno ha stanziato i finanziamenti per i lavori di riapertura del CIE di Via Mattei, il centro di detenzione che rinchiude e priva della libertà i migranti per il solo fatto di non avere o di aver perso il permesso di soggiorno. Noi non siamo disponibili ad accettare la sua riapertura e riteniamo necessario opporre con forza il rifiuto di tutta la città a questa fabbrica di ingiustizia e sofferenza.

I CIE sono parte di una politica nazionale ed europea che va nella direzione del blocco selettivo della libertà di movimento e dei percorsi individuali, dentro e fuori l’Europa. Da un lato, è rafforzata la militarizzazione dei confini e dei sistemi di respingimento/deportazione, dall'altro sono moltiplicate le barriere alla circolazione nello spazio europeo, non solo per i migranti. Il ricatto del permesso di soggiorno, con le sue lunghe e costose procedure di rilascio e rinnovo che subordinano il diritto di restare al reddito e al contratto di lavoro, e i sistemi di confinamento come i CIE (ma anche i cosiddetti centri di accoglienza per richiedenti asilo – CARA) sono il terreno su cui si ridisegnano lo statuto complessivo della cittadinanza e le gerarchie dello sfruttamento: all’interno dell’Europa la libera circolazione non solo è vietata a migranti e rifugiati, ma anche a chi – pur essendo cittadino europeo – non soddisfa requisiti di reddito e residenza.

Contro il razzismo istituzionale di queste politiche europee e nazionali reagiremo con una manifestazione domenica 18 maggio, all’interno della settimana di mobilitazione promossa dal coordinamento Europeo Blockupy: solidarietà, libertà e democrazia sono da reinventare e costruire attivamente dalla parte dei migranti, per il diritto a una vita degna per tutti/e, partendo dall'opposizione ai centri di detenzione e identificazione. Per questo, invitiamo tutte e tutti a partecipare…

ASSEMBLEA CITTADINA – giovedì 8 maggio, ore 20.30 - presso Làbas occupato (via Orfeo 46, Bologna)

MANIFESTAZIONE #NoCieNoCara
#BastaBossiFini #NoBorderRegime #StopDetention

Domenica 18 maggio, ore 16,
Piazza XX Settembre, Bologna.

Adl Cobas, ALMI - Associazione lavoratori marocchini in Italia, Associazione senegalese Cheikh Anta Diop, Associazione Universo, Atlantide R-esiste!, Casa Madiba Occupata Rimini, Carovana Europea Bruxelles 2014, Cobas Bologna, Comunità pachistana Bologna, Coordinamento Migranti, Cs TPO, Hic Sunt Leones Football antirazzista, Làbas occupato, Laboratorio On the Move, Lab. Paz Project Rimini, Lavoratori e lavoratrici anarchici, Lavoro Insubordinato, RID/CommuniaNetwork, ∫connessioni precarie, Scuola Kalima Tpo, SIM – scuola di italiano con migranti Xm24, Spazio pubblico autogestito Xm24, Sportello medico-legale Xm24, Sportello legale Tpo, Unione sindacale italiana – Associazione internazionale dei lavoratori; Vag61...

Per adesioni: nocienocara@gmail.com Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/305128942972564/

Veniteci a trovare
il 8 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: