Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Side by Side

Galleria Monty & Company Roma, Italia
Google+

PETER FLACCUS e GIUSEPPE AMALFI

COMUNICATO STAMPA
Galleria Monty&Company
Via della Madonna dei Monti, 69 Roma

Peter Flaccus e Giuseppe Amalfi
Nel quadro del ciclo SIDE BY SIDE a cura di Serafino Amato

Irmela Heimbächer è lieta di invitarvi all’inaugurazione della mostra di Peter Flaccus e Giuseppe Amalfi, che si terrà martedì 6 maggio 2014 dalle ore 18:00.
La mostra rimarrà aperta fino a venerdì 16 maggio.

Serafino: Cos'è che ti lega a Giuseppe Amalfi? A parte la vostra simpatica vicinanza di studio a Trastevere?
Peter: …Che non è poco.
Serafino: Ma come artisti, cosa avete in comune?
Peter: Direi niente…a noi artisti l'idea che il lavoro di un altro artista sia "vicino" al nostro ci mette a disagio. Fra la sua produzione e la mia esiste un rassicurante margine di sicurezza. Però, forse per carattere, nessuno di noi due ha voglia di utilizzare l'arte per commentare la realtà. Nell’arte di Giuseppe vedo una leggerezza, una semplicità, uno scatto di “affabile” poesia che ammiro.
Serafino: Potresti immaginarti di essere al suo posto?
Peter: Sento delle affinità, anche io sono un discreto bricoleur. Se fossi nato un quarto di secolo più tardi, se non fossi innamorato del pennello e della pittura, e se avessi praticato per anni un duro regime Zen, in un’altra vita, insomma, avrei potuto seguire una strada simile.

Nato nel Montana, Peter Flaccus ha iniziato la sua carriera a New York, dove ha vissuto per vent’anni. Trasferitosi a Roma all’inizio degli anni novanta, ha cominciato presto a lavorare con l'encausto, materia che sollecita interessanti questioni sulla sua essenza fisica e sul suo rapporto con il tempo. Quest’anno Flaccus ha esposto alla galleria La Nube di Oort (Roma) e alla Galleria Otto (Bologna). Partecipa inoltre alla nota mostra collettiva a Vasto (Abruzzo). Per questa mostra Flaccus ha creato delle opere utilizzando una collezione di cornici d’epoca allo scopo di porre passato e presente side by side.

Giuseppe Amalfi studia arte in Italia e in Grecia. Pescatore, velista e artista, da due anni vive stabilmente a Roma. La sua ricerca è una “queste” per la libertà: libertà di esistere, libertà di cambiare, partire da un momento di sospensione dall’ordinario che innesca un diverso modo di guardare al mondo. In opera ciò si traduce in lavori semplici, apparentemente ingenui e adattabili, che spesso non portano alcun significante oltre la propria nuda presenza, trovando in se stessi il diritto e il senso di esistere. In tal modo lo sguardo del visitatore che avrà voglia di fermarsi ed osservare, si apre al linguaggio visivo delle cose nel mondo. Giuseppe Amalfi è nato a Palermo nel 1975.
Questa è la terza del ciclo di quattro mostre in cui espongono le loro opere quattro coppie di artisti di diversa formazione, disciplina artistica e nazionalità, dal titolo Side by Side:

Alì Assaf e Serafino Amato, 19 marzo - 4 aprile 2014
Myriam Laplante e Georgina Spengler, 11 - 29 Aprile 2014
Peter Flaccus e Giuseppe Amalfi, 6 - 16 maggio 2014
William Pettit e Jochem Schoneveld, 20 - 30 maggio 2014
Galleria Monty&Company, Via della Madonna dei Monti, 69, 00184
Orari: dal martedì al sabato dalle ore 16.00 alle ore 20.00 e su appuntamento
Info: +39 328 7623389

Veniteci a trovare
il 6 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: