Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Riflessi d'autore

Labcom Roma Via Ridolfino Venuti, 34/a, Roma, Italia
Google+

Cosa succede quando il personaggio di un romanzo storico è a sua volta scrittore? E cosa succede quando i due autori sono anche amici? Succede che nasce “Riflessi d’autore”. Gabriele Adinolfi e Cesare Ferri, tra parallelismi e letture sceniche, ci presenteranno i loro romanzi.
Il primo, a carattere storico, “Quella Strage Fascista- così è se vio pare”, ambientato intorno alla strage di Brescia, con una lettura assolutamente controcorrente della stagione del terrore e delle trame di potere, che subirono un’accelerazione proprio a partire dal 1974, anno della strage in piazza della Loggia. Il romanzo è costruito sulla base dei tanti indizi volutamente ignorati e delle prove mai tenute in conto dagli inquirenti, ovvero dei numerosi e notevoli elementi più che eloquenti che sovrabbondano e che se resi pubblici non lascerebbero più ombra di dubbio su chi veramente seminò il terrore e per quali fini. Una strage “fascista” per decreto, perché “così è se vi pare”. L'autore esprime qui, in una forma letteraria diversa, quello che ha già rivelato nel suo recente libro-inchiesta in francese su stragismo e terrorismo, Orchestre Rouge, per le Avatar Editions.
Il secondo, “Fuori dal giro”, racconta le vicende di Adriano Oneto, un giovane pittore italiano in piena crisi creativa, trasferitosi a Parigi dove spera di trovare nuovi stimoli calandosi in quel mondo che ha visto agire i suoi amati impressionisti. Cammina lungo le stesse strade, si ferma davanti alle case che hanno abitato, ne ammira le opere: non ha alcuna intenzione di imitarli, ma la vicinanza ideale con loro, che tanto hanno sofferto senza mai arrendersi, lo fa, alla fine, tornare al lavoro. Inoltre ora ha capito come e cosa dipingere e, soprattutto, ha capito che è venuto per lui il momento di dichiarare guerra, attraverso le sue opere, a certa arte contemporanea troppo spesso ancella del brutto. Ma la vita di Adriano non si esaurisce davanti al cavalletto nel chiuso dello studio anzi, tutt’altro. Eccolo, infatti, difendere le proprie idee controcorrente tanto da sfiorare più volte la rissa con arroganti conformisti, o muoversi tra semplici conoscenze e profonde amicizie, inconfessate speranze e cocenti delusioni, momentanee infatuazioni e teneri affetti.

Veniteci a trovare
il 14 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: