Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

OLYMPIA _ OVVERO L'OSPITE MONCO

Palazzetto Dello Sport Di Carbonara Via Fratelli De Filippo 12, Bari, Italia
Google+

[ sabato 10 maggio _ Palazzetto dello Sport di Carbonara, ore 20.00 ]
nell'ambito e a conclusione dell'evento socio-culturale
#LEDONNELOSANNO

con il patrocinio del Comune di Bari e Officine dello Sport di Modugno

va in s c e n a

OLYMPIA _ OVVERO L'OSPITE MONCO
una performance TeaLtro Gezz | Gruppo di Sperimentazione Teatrale
liberamente ispirata ad ‘Animali della quinta Notte’ di Bruno Pompili

con
Giuseppe Ricci

testo Bruno Pompili / trucco Mara Petrone / oggetti di scena Antonio Depalo / assistenza tecnica Gianluca Scagliarini / organizzazione e supporto tecnico a cura di BANDERUMOROSE Associazione Culturale

regia
Oriana Amendolagine


Come un’eco di favola antica, sospesa nel tempo e nello spazio, la Donna rivela il suo sogno di alterità nella lunga attesa per la rinascita, attraverso il suo doppio e l’infinito duetto con l’uomo, che a sua volta dialoga confusamente col suo segreto.
Nel ‘C’era una volta, tre volte o mille’ del Pompili, subdolamente l’uomo si appropria di questa favola e, come un ‘pagliaccio indesiderato’, vive nel suo abisso, nel suo doppio, il rimorso per non essersi fermato, ingannandosi, giustificandosi ma, per l'intanto divorandosi, mentre l’Olympia compie le programmate mutilazioni. Altéra e caparbia, l’Olympia veste i panni di una donna lucertola, che osserva, seppur con qualche disagio, ogni amputazione e ricostruzione del suo corpo, riappropriandosi di quella favola. ‘C’era una volta, tre volte o mille’ torna alla fine come un’eco lontana che stravolge il senso di ogni certezza. Sgusciata fuori dalla pelle del ramarro, la sua, la Donna consegna all’universo un lieto fine ancora tutto da inventare: inviolabile e inviolata fiorisce la sua essenza di libertà.
[a cura di Oriana Amendolagine]


si ringrazia la SSD Gestione Polivalente, Officine dello Sport di Modugno, nella persona di Gianluca Scagliarini


Ingresso libero (fino ad esaurimento posti)
si consiglia prenotazione, inviando una mail a regia.tealtrogezz@gmail.com

Veniteci a trovare
il 10 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: