Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Io sono la pelle

Leggere Strutture Factory via Ferrarese 169/A, Bologna, Italia
Google+

scritto e diretto da Federica Fragapane
con Federica Fragapane, Alice Gobbo, Alessia Rollone, Elisa Viola

"Le persone si comportano in modo normale, parlano, ridono, urlano e non si rendono conto, non si rendono conto di come ogni loro singola parola abbia la possibilità di tagliarmi, nello stesso modo in cui taglia la carta. Ma non è colpa della carta. La carta non è nata per tagliare, è nata perché qualcuno ci scriva sopra, ci disegni, ci pianga. Non è colpa della carta, è colpa della pelle. Io sono la pelle."

Ogni persona ha la sua storia e ogni storia ha i suoi momenti. "Io sono la pelle" racconta un momento, un momento fondamentale. Potrebbe durare un secondo, come un'ora, come dieci giorni, l'unica cosa che conta è il cambiamento che si porta dietro.
Quattro figure si incontrano e l'unico scopo è quello di migliorare la situazione, di risolvere un problema. I ruoli sembrano chiari: c'è chi impartisce ordini dall'alto, chi li esegue in prima persona e chi li subisce, ritrovandosi circondato, studiato e analizzato. Il tutto in preda a una profonda necessità di guarigione. E questa necessità giustifica qualunque gesto e qualunque tentativo, in una scala che va dall'ingenuità al desiderio di violenza, in uno scontro in cui la non comprensione, la sopraffazione e il senso di responsabilità la fanno da padroni. Le quattro figure si parlano, si urlano contro, si sezionano, si amano e procedono a tentoni per cercare di capire e di capirsi. La domanda è chi siano loro e perché facciano quello che fanno.
È un percorso labirintico, alla fine del quale ci si sarà sentiti ospiti, per un momento, della mente di qualcun altro. E, dopo quel momento, sarà tutto un po' più chiaro, senza filtri e senza vincoli.

Veniteci a trovare
il 11 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: