Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

BÜROTIFULCRAZY - burocraziabellaepazza

Scuola di Musica Sinfonia Via Nazari Sauro 527, Lucca LU, Italia
Google+

Nello stato di natura, la prima parola pronunciata dall'uomo Nello stato di natura, la prima parola pronunciata dall'uomo deve essere stata bu-ro-cra-zia. Un gruppo di selvaggi scopre questo vocabolo imitando i versi degli animali.
Ostacoli espressi come segnali acustici di allarme costringono un misterioso camminatore a dirottare costantemente i suoi passi, sempre più in fretta, sempre più in stress, finché esplode.
Un contratto di lavoro si trasforma in un monologo meta-burocratico nonsense. Nascita di un Pygwriter (maialescrivente).
Un telefono sempre occupato costringe il compositore a perdere il lume della ragione e a comporre un capolavoro orchestrale.
Il monologo meta-burocratico diventa poesia burocratica.
Esempio di dichiarazione d'amore burocratica.
Il compositore cerca invano di insegnare al maiale a dire il vocabolo bu-ro-cra-zia. Alla fine il maiale ci riuscirà ascoltando i versi degli animali.

Questa è in sintesi BÜROTIFULCRAZY, opera composta e realizzata per Deutschlandradio Kultur (la radio di stato tedesca) da Stefano Giannotti, fra il 2012 ed il 2014., in collaborazione con l'ensemble OTEME e la Scuola di Musica Sinfonia.

Riflessione ironica e pungente sulla burocrazia come condizione alla quale diventa difficile non solo sottrarsi, ma addirittura rinunciare. Burocrazia come composizione artistica, come forma di poesia contemporanea. Cosa succede quando la burocrazia si sviluppa in materia abnorme e sfugge al controllo?
Si trasforma in opera d'arte.

Testi, musica e regia di Stefano Giannotti
Produzione: Deutschlandradio Kultur Hörspiel Abteilung 2014
Ilka Teichmüller, Petra Winkler, Stefano Giannotti, Mariola Krajczewska, Matilde Giannotti, Roberta Da Porto: voci

OTEME - Osservatorio delle Terre Emerse:
Valeria Marzocchi: flauto
Nicola Bimbi: oboe, corno inglese
Lorenzo Del Pecchia: clarinetto, clarinetto basso
Leonardo Percival Paoli: fagotto
Maicol Pucci: tromba
Valentina Cinquini: arpa
Stefano Giannotti: pianoforte, xilofono, percussioni, samplings

Gli archi della Scuola di Musica Sinfonia:
Sara Fanucci, Diana Gaci Scaletti, Nicoletta Olivati, Sofia Cesaretti, Gianluca Chelini, Andrea del Gratta: violini
Angela Landi: violin, viola
Rachele Nucci, Lorenzo Phelan: violoncelli

Redazione: Marcus Gammel
Traduzioni: Annalisa Pace - Studio Lucca Traduce

Veniteci a trovare
il 8 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: