Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

SEC_, M.DellaMorte, Ventriloque Radio @ "MEFITE" cinema per le orecchie

PIANO B U-TURN PIANO B vico Pallonetto a Santa Chiara 15/c, Napoli, Italia
Google+

Mefite è un esperimento di "cinema per le orecchie" basato su una pièce radiofonica di SEC_, un pezzo di musica concreta che sarà diffuso in sala tramite un sistema originale di piccole radio e altoparlanti messo a punto da Ventriloque Radio.
La performance vocale e fisica di M. Della Morte si integra nel pezzo e, mentre gli conferisce materialità, dissolve anche quest'ultima nella spazialità del suono, confondendo ulteriormente i limiti tra i sensi.
L'orecchio sarà alla fine l'organo privilegiato, ma solo nella misura in cui veicolerà visioni e sensazioni tattili. Il suono è tanto materiale quanto il corpo e in quanto tale si sposta, colpisce, penetra, racconta.

Mefite è una dea italica venerata nell'Italia centro-meridionale, in particolare in Irpinia. Dea della fertilità e della morte, presiede al passaggio dall'una all'altra. Dea tremenda che ha il suo luogo di culto nella Valle d'Ansanto, il fosso mortale, dove da una spelonca le terribili esalazioni di gas uccidono, trasportate dal vento.
Un’aria mortale che governa la complessa articolazione del passaggio tra la vita e la morte: per ingraziarsi la dea non bisogna avvicinarla troppo, ché si morirebbe; per attraversare la porta degli inferi, invece, bisogna essere altrettanto cauti, perché la morte potrebbe entrare nei polmoni prima che si raggiunga il varco. Morte che colpisce senza toccare, trasportata dall’aria come fossero onde radio. Un'aria che sfida, come a regalare l'opposto di ciò che si desidera, che ci invita con la sua implacabile, spaventosa e sinuosa casualità ad avanzare verso la zona insondabile che separa la vita e la morte.



SEC_ è uno degli esponenti di punta della musica elettro-acustica italiana. Improvvisatore e compositore, cerca di portare la “musica concreta” in una nuova dimensione, aperta all’elettronica più scura e da club, nonché alla sperimentazione sui dispositivi in feedback. Il suo strumento principale è il registratore a bobine, che usa per deformare materiali sonori disparati, creando incastri imprevedibili e grotteschi, ricchi di tagli, esplosioni e suoni profondi. Oltrepassando continuamente i limiti tra analogico e digitale, strutturato ed improvvisato, narrativo ed astratto, SEC_ è piuttosto interessato alla relazione tra “fisicità del suono” (e della sua produzione) e qualcosa che potremmo forse ancora chiamare “musicalità”.
Ha all’attivo numerosi dischi in solo o in collaborazione (Aspec(t), Jerome Noetinger, Olivier Di Placido, Dave Phillips, Ken Vandermark, Dario Sanfilippo…) e concerti in tutta Europa.
http://www.toxorecords.com/sec_

M.DellaMorte si muove a metà tra la performance e il teatro; non appartenendo a nessuno dei due mondi, è riuscita a sviluppare una formula originale e ibrida: ricerca senza intellettualismo, fisicità senza compiacimento, parola senza autoreferenzialità. La sua poetica scura e ossessiva, amante del morboso e dell’orrorifico, richiama a volte l’azionismo, ma corretto alla luce di una ricerca sui dispositivi di scena e le pratiche del DIY del tutto personale e di un’ironia carica di paradosso.
http://mdellamorte.wordpress.com/

Ventriloque Radio è il progetto di Stefano Perna dedicato all’arte radiofonica, intesa quest’ultima non come semplice “trasmissione-via-radio” di contenuti artistici, ma come esplorazione delle potenzialità e specificità del medium radiofonico in tutta la loro estensione. La radio è la costruzione di uno spazio ondulatorio e disseminato, la dislocazione di corpi e suoni a distanze vertiginose, è localizzazione e dispersione, simultaneità e archivio, intimità e distanza. L’arte radio è quella che si misura con tutte queste componenti e non solo con le caratteristiche del suono per sé, nella prospettiva della costruzione di un ascolto espanso, dilatato fino ai confini del cosmo, in cui le onde radio viaggiano indifferenti agli esseri umani e alla Terra stessa.
http://ventriloque.altervista.org/
http://www.gabrielefrasca.it/category/ventriloque-media/

Veniteci a trovare
il 15 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: