Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Fioriture. Incontro con Michela Pereira su Ildegarda di Bingen

Biblioteca Comunale Sassari Sassari SS, Italia
Google+

Nell’ambito della rassegna Fioriture. Soggettività impreviste

8 maggio ore 17,30 presso la Biblioteca Comunale (piazza Tola, Sassari)

La figura di Hildegard von Bingen (1098-1179) teologa, filosofa, poeta e musicista verrà raccontata attraverso la conversazione di Giuliana Ortu (collettiva_femminista) con la filosofa Michela Pereira. Si parlerà di politica e di forza delle donne attraverso il pensiero della profetessa medioevale con uno sguardo femminista.

Durante l’incontro verranno proiettate delle sequenze tratte da “Vision” (2009) di Margarethe von Trotta in lingua originale tedesca con sottotitoli in italiano a cura della “Circola nel cinema Alice Guy – Associazione di cultura e promozione del cinema delle donne – Cagliari (traduzione di Simona Ferrai, sottotitolazione a cura di Rossana Ferraro e Nunzia Scano).
Verranno poi utilizzati dei materiali testuali tratti dal Meridiano a cura di Michela Pereira “Ildegarda di Bingen Il libro delle opere divine” (di cui si segnala l’edizione economica in uscita il 6 maggio), sonori tratti da “Lux Vivens. Suoni di luce vivente” di Julia Berger e audiovisivi tratti da “Liber divinorum operum” e “Ordo virtutum”.

*

Michela Pereira è filosofa e femminista. Impegnata nel movimento delle donne fin dagli anni Settanta, ha insegnato presso l’Università di Firenze, mentre all’Università di Siena è stata docente di Storia della filosofia medievale e coordinatrice del Master in Studi di genere, pratiche didattiche e Pari Opportunità. Ha svolto attività di ricerca in Italia e all'estero, curando edizioni critiche e numerose pubblicazioni su temi riguardanti la filosofia medievale (Raimondo Lullo e la tradizione lulliana; filosofia naturale e scienze occulte; idee sulle donne e scritti di filosofe e mistiche); sulla storia dell'alchimia; su aspetti della ricerca contemporanea nell'ambito della psicologia analitica e degli studi di genere.
Fa parte del comitato scientifico di «Micrologus» ed è affiliata a varie società internazionali quali la SIEPM (Societé pour l'Étude de la Philosophie Médiévale); SISPM (Società Italiana di Storia del Pensiero Medievale); SISMEL (Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino); SIS (Società Italiana delle Storiche).
Tra le sue numerose pubblicazioni si segnalano la monografia “Arcana sapienza. L’alchimia dalle origini a Jung”, la curatela di “Né Eva né Maria. Condizione femminile e immagine della donna nel Medioevo” e le numerose ricerche dedicate alla figura e alle opere di Ildegarda di Bingen (il Meridiano “Ildegarda di Bingen, Il libro delle opere divine” è a sua cura).
*
Hildegard von Bingen (1098-1179) nasce in una famiglia della piccola nobiltà del territorio di Magonza. All’età di otto anni viene accolta come oblata nel monastero benedettino di Disibodenberg e della sua istruzione e formazione si occuperà la magistra Jutta. Alla sua morte nel 1136 Ildegarda viene eletta per dirigere la comunità e rende note le visioni che le si erano manifestate sin dalla precoce età. Più tardi fonderà presso Bingen (1147-50) il monastero di Rupertsberg dove si trasferì insieme alle monache. Oltre a fondare un ulteriore monastero a Eibingen (1165), svolse molte attività in particolare nella Germania meridionale. Scrisse di teologia, ascetica, esegesi, musica, medicina, poetica e storia naturale. Inoltre le sue numerose lettere ebbero per destinatari vescovi e principi (ad esempio Federico Barbarossa e S. Bernardo di Chiaravalle) e riguardarono la riforma della Chiesa. Tra le sue opere si ricordano: il “Liber scivias” (1141-51); il “Liber vitae meritorum” (1159-64); il “Liber divinorum operum” (1164-70). Nelle sue opere sono notevoli i motivi cosmologici nell'ambito di una interpretazione allegorico-simbolica del mondo fisico e del corpo umano. Abbiamo di lei anche poesie, canti, moltissime lettere e un'autobiografia di cui ci restano frammenti. Dichiarata Dottore della Chiesa nel 2012 viene festeggiata come santa il 17 settembre.
*
La foto della locandina è in esclusiva per la rassegna Fioriture ed è di Giusy Calia.
*
PuntoLibri a cura di LibraiAlcentro.

Veniteci a trovare
il 8 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: