Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

IL CAMMNO DEL PERDONO

Canossa Castle Reggio Emilia RE, Italia
Google+

UN PERCORSO FISICO ED INTERIORE
per ritrovare il senso del teatro siamo usciti all'aria aperta e abbiamo cominciato a camminare insieme, senza sipario, nella cornice infinita della bellezza della natura, fra i ruderi di mille anni, ascoltando l'eco di parole antiche che risuonano ancora nel vento, inseguendo orme senza calzari, sfilato lo stivale del potere, per sentir la terra e ritrovar radici ..le parole a cui daremo corpo sono di DANTE, SHAKESPEARE, LORCA, PASCOLI, KAFKA, e, TUROLDO...
Ambrose è il custode dei passi e del silenzio del nostro cammino e lì unisce per creare la sua danza, poi ogni volta c'è un ospite speciale :
questa Domenica 11 maggio, saranno con noi gli inarrestabili artisti del parcour dell'URBAN FREEDOM di Reggio Emilia, acrabati ma non solo, che intrecciarano le loro funamboliche evoluzioni con i versi di Rimbaud..e poi ognuno di noi sarà davvero speciale , alla fine ci troveremo , condivideremo parole, tisane e un po' di dolce e vi inviteremo a lasciare traccie della strada percorsa : ecco i pensieri dei camminatori della scorsa edizione, un vero e proprio tesoro, che ci da LA FORZA per continuare:
p.s
grazie ANTONIO MELIOLI, MARCO METE, FIAMMA CHESSA, GHIDO GHIDINI, FLAVIO BOCCHI per le foto che ci avete regalato ! grazie aMonica Morini , Bernardino Bonzani del mitico Teatro dell'ORSA, Feferica Soncini, Mario Bernabei,Nicoletta Lusuardi, Giulia Sacchi, per il vostro prezioso aiuto!
grazie a quelli che son saliti al Castello e a quelli che saliranno !
ingresso libero su prenotazione obbligatoria ARCHEOSISTEMI al 0522.532094 oppure 366\2287340

CAMMINO DEL 27\01\2013


“Grazie”

“Immensa gratitudine”

“Oggi è il giorno della Memoria del genocidio degli Ebrei..
Provo rancore e odio verso chi si è macchiato di questo crimine atroce
Sogno di riuscire un giorno a perdonare, che tutti riusciamo un giorno a perdonare…ci sentiamo ancora vittime rispetto a quella storia.
Forse è riconoscere che siamo e siamo stati anche noi carnefici che ci può liberare da questa sofferenza ?”
Elena.

“Il vero perdono è quello che trasforma completamente chi lo chiede e chi lo dà. Fa parte del mondo dell’essere.
Altrimenti è solo apparire e desiderio di potere”

“Il perdono cerchio
rotondo
e zavorre
si torna all’inizio
sena schegge sassi
e zavorre
ad impedire il cammino
Nel per-dono per-diamo
l’inciampo ci solleviamo
per lasciare nuove orme”
Monica

“Grazie!
Giornata d’AMORE
puro !!”
Silvia

“Perdonare se stessi è molto più difficile che perdonare gli altri.
E prima di perdonare se stessi dobbiamo accettarci con tutti i nostri limiti e difetti.
Solo così avremo il cuore libero di far entrare l’altro, i pensieri, le parole e i gesti dell’altro.
Desidero che tutto questo entri in me”

“Il cammino è nell’anima”
Federica

“Gabriele..un arcangelo di aria
la leggere iniezione di intensa passione nel momento dei piedi nel gelo.. nella neve. IL coraggio di “esporsi” sul serio..la grazia allora è suggerita, un accenno… PERDONO…che ALLEGERISCE
La mia proposta è facile e spontanea:
ritrovarsi…ri-trovarsi
ma..a Canossa??
Per “quale“ perdono ?”
Alessandra







“Perdonare è un’arte che poco mi appartiene, ma dopo questo incontro penso che cambieranno molte cose. Grazie.”
“L’arte in qualsiasi forma si presenti, riesce a toccare le corde dell’anima di colui che si spoglia delle proprie vesti. Ho camminato di recente per perdonare me stessa e riconoscendo che il percorso sarebbe stato lungo, ho dovuto lasciare ciò che di pesante avrebbe limitato la mia capacità di movimento. Ed oggi, per caso, mi ritrovo qui. Un puro caso chiude il cerchio del perdono ed apre finalmente la strada al presente. Grazie di aver fatto vibrare nuovamente quelle corde, con grandi capacità di emozionare. Complimenti per il progetto e per la vostra capacità di renderlo vivo.” Elisa. P.S. Nel giorno della memoria, il cammino del perdono…….
“Groviglio, di umore, dolore, sapore, contorte, dritte, rovescie. Sapore di amore e colore, romanzo e vita. Perdono, impossibilità di fluire, incepparsi, per poi esplodere. Perdono difficile e dolente, si può perdonare a pezzettini, poco alla volta, piano piano, man mano che il cuore si rende pronto a fare quest’apertura di guarigione. E che liberazione tornar a vivere..finalmente !”
“Il perdono di una madre, di un figlio, il perdono di Dio.. non so da dove provenga il perdono, credo dalla necessità di vivere. Di aria per l’anima altrimenti..ci soffoca il rancore, il senso di colpa, ecco perdonare è accettare, comprendere e lasciar passare. Oggi ho pensato che la bellezza della terra e del cielo ci comprendono, lo stesso possiamo fare noi! Grazie di tutto, anche della bellezza delle parole, di chi le ha recitate e danzate.Mtlt.”
“Io non seguo molto il teatro. Ho sempre pensato fosse per “i colti”..Beh.. devo dire che oggi l’ho sentito mio. Ho colto spunti e alcuni messaggi sono arrivati al cuore. Grazie di tutto.Trovo che la rappresentazione all’aria aperta abbia reso possibile l’avvicinamento di persone come me al teatro. Silvia.”
“Mi sento di ringraziare non so chi , non so cosa..tutti ! Per me è stata un’esperienza intensa, tanto intensa che ora non trovo le parole. Sono scossa..è come se avessi fatto un viaggio..un viaggio lunghissimo, forse attraverso i luoghi o forse dentro me stessa..sono in viaggio verso una destinazione che non conosco..questo è quello che sento ora. Grazie “
“Ritorno da Canossa guardandomi attorno , aspetto di sentire il compagno della mia anima”
“Un cammino illuminante che oltrechè al perdono, invita alla celebrazione dell’importanza e del valore della natura delle persone.”
“Quando è giusto perdonare e quando invece alzare in alto la propria rabbia e ira ?Non lo so ancora.”
“che gran forza le passioni !! che gran forza la natura!!! Che gran forza l’essere umano!! Che gran forza richiede il perdono!!”
“Nell’anima danza l’amore necessario a muovere il mondo, sui passi del cammino di ogni uomo di ogni donna. Nel rispetto di questo amore c’è la stessa forza per risvegliarlo e perdonare, crescere e di nuovo..AMARE”
“Quante volte mi chiedo se è giusto perdonare. Se non è una “resa”, sempre, un riconoscere simbolicamente la ragione dell’altro. Non ho certezze in proposito, continuo ad interrogarmi ogni qual volta succede di sentirmi sopraffatta, non rispettata, anche umiliata o presa in giro. Quando è giusto perdonare e quando invece è giusto dare voce e levare in alto la propria rabbia e ira ? non lo so ancora”
“se bon !!”


CAMMINO DEL 7\01\2013

“Una spendida idea quella di portare tra le rovine di Canossa parole che ormai nessuno più adora ascoltare. Parole perse e messe tra gli scaffali o tra l’incarto dei baci perugina. Grazie per avermi fatto vivere quel qualcosa che non conoscevo, che non ho mai conosciuto se non attraverso i media. Sono un semplice operaio, una minuscola formica che non conosce niente di ciò che era il suo passato, da dove è venuto.”
Con simpatia e stima, Giordano

“CANTA E CAMMINA ( grazie !)”

“La persona che non vuole o non può perdonare, non riesce facilmente a vivere il momento presente.
Si aggancia con ostinazione al passato e , proprio per questo, si condanna a sciupare il presente”
Jean Monbourquette

“Bravo Parrillo, non sono del tutto d’accordo sul perdono, ma la tua performance mi ha fatto fare un passo avanti…..”

“ Dall’ Islanda
a Canossa,
dal nulla
alla speranza
( ?)”

“Il castello è davvero bello. E’ immerso nella storia e io adoro la storia. Qui è stata scritta una pagina importantissima della storia del papato e dell’impero. I passi recitati durante la rappresentazione mi hano conquistato, soprattutto la parte dei “Promessi Sposi “ e dell’ “Amleto”. Questo castello è unico al mondo ma per davvero.”
Daniele Bondi

“Non ricordavo “I Promessi Sposi” così belli !”

“a e i o u
qual è l’essenza della vita?”

CAMMINO DEL 19\4\2013
“ bellissimo spettacolo, bravi gli attori con uno scenario stupendo, bravi alla prossima sarò presente..grazie anche alla pioggia” Titti.

“L’eco del passato
risuona nel cuore
di chi ode
di chi vede
di chi sente…
e tutto con
l’anima”.
Daniela Benevelli

“Caro Gabriele
ci hai portato in un suggestivo viaggio.
Il sapore e valore delle tue parole è stato magia tra queste antiche rovine, tra i respiri di mille anni di vita e di storia. Intorno la magia del silenzio…poi la pioggia.
Al prossimo viaggo…ed alle prossime emozioni.
Grazie”.
Gianni

“Alto grido
da bassi istinti
tramuta l’anima
verso alti orizzonti.
Una pioggia chiude
il cammino che sale
dilata lo sguardo
oltre le nebbie”
un ascoltatore
Pietro

“il mio colore è il giallo( girasoli)
il mio colore è il blu( il profondo del mare
il mio colore è il verde( il campo di mio padre)
il mio colore è il rosso ( l’amore)
il mio colore è l’azzurro (il cielo)
il mio colore è la
TERRA
Dove riposerò x sempre.
E’ stato un sogno
un sogno vero
grazie”
Isolina


“Pensieri…ricordi, malinconia….struggimento…
amore…..tanto amore.
Grazie a Gabriele e Ambrose tutto ciò è riemerso dagli oceani…meandri della mente.
La cornice splendida il cielo ovattato hanno aiutato i ricordi ad uscire liberi, senza impedimenti”.
Fiamma

“Chi sono?
A chi appartengo?
Qual è il mio compito ?
Non una, ma tre domande mi sono salite al cuore”.
GRAZIE
Lena

CAMMINO DEL 5\05\13:non itinerante ma in una stanza, diluviava!

“Complimenti per l’interpretazione, un’ora di pura riflessione, su temi antichi ma pur sempre attuali”.
Grazie

“Sono rimasta colpita,
non ho mai assistito a rappresentazioni,
ora mi interesserò di più al teatro”
Isa

“Gabriele ed Ambrose,
due personalità ben distinte, eppure bene amalgamate.
Quasi in simbiosi. Che dire?!?
L’ “essere” ed il “voler essere”
Il “voler essere” e l’ “essere” , l’essenza, lo spirito, la materia, la vida! Bravi!”.
Annamaria











CAMMINO DEL 19\05\2013

“Lo spettacolo, è stata una grande sorpresa, piacevole e profonda.
E’ stato un grande impegno dell’attore, innovativo, ho sentito che lui aveva tante cose da dire, l’interiore è venuto fuori non solo con le parole ma con i pensieri.
E’ un’iniziativa veramente bella per l’ascoltatore, ha ripercorso e puntato il dito sui sentimenti che l’uomo deve affrontare tutti i giorni. La cattiveria che l’uomo incontra, che dovrebbe superare e perdonare.
Il cattivo che riconosce di esserlo e chiede di essere liberato da questo macigno poiché non riesce a formulare l’anima e il sentimento per il perdono.
Rimangono i pensieri dentro di te, la speranza è di attivarli”.
Grazie
Lorenza

“Esiste il perdono”
?
Egle

“ verità e luce nuova
spontaneità equilibrio stasi
cumpatere”

“Quest’esperienza mi è piaciuta”.
Mi ha aiutato a riflettere (mi ha dato spunti per riflettere) e per trovare risposte molto difficili, ho ancora molto cammino da fare alle mie domande”.
Dorina

“La libertà del perdono”

“Questo ripasso culturale a due passi dal cielo ci rimette un po’ in pace con la nostra anima perennemente in bilico…
grazie Gabriele per questi splendidi momenti”
Beatrice ( classe 1922)
Mariola (classe 1923)
Robbi e Giusi


“E vado, senza giudizio, peso, il perdono è LIBERTA’ dell’anima”
Grazie Gabri
Maria
“PERDONO
ONDE DI ENERGIA
CHE SI INCONTRANO”
Grazie!
Claudia

“w i colori
w la primavavere
w la vita”

“Che grande difficoltà perdonare, fino in fondo; credi di averlo fatto ma quante volte ti risalta fuori..Perdonaci..rimetti anoi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori……
Il signore nella sua infinità bontà è pedagogo, ti costringe quasi…
Come un padre( questo è il tuo bene..), perdona se vuoi essere perdonato…
Padre trasforma il mio cuore di sasso in un cuore di carne capace di perdonare e cancellare…
(non c’è ma stato..)”
Angela

“felicità”

“Domenica 19 maggio
per combinazione e
…per grazie
PENTECOSTE
Anche qui a Canossa
Come a Gerusalemme.
Come andare
nel mondo,
come uscire verso le
periferie delle coscienze( papa Francesco, ieri)
senza la liberazione del
perdono?
Leggeri”
Gabriele

CAMMINO 2014
SABATO 25 GENNAIO

937esimo anniversario del perdono di Enrico IV
Alcune traccie dei nostri camminatori :
“la forza la liberazione è grande la mia gioia di aver condiviso con persone mai viste il perdono di noi stessi, grazie ! questo percorso mi ha dato tanto il cambiamento. GIO”
“Ho paura del perdono, mi perdoneranno per la mia paura”
“Dico solo una parola: MAGIA . Cristina Belli”
“E alla fine arriva l’anima..che balla..tocco di Grazia fluida. Solo quando il cuore Balla può dissolvere le catene e perdonare. Carmen”
“Il personaggio di Renzo, “bonaccione”, “semplice”, “ingenuo e contadino”, tocca una grandezza sorprendente nel momento in cui “ comprende” fisicamente, soffrendo e piangendo, cosa sia il perdono. I PROMESSI SPOSI “recitati” sono insoliti, nuovi, sorprendenti! COMPLIMENTI . Olivia Zecca “
“La gioia di un raggio di sole che ti scalda il viso , la risata di un bambino, le parole che risuonano fino a valle sature di emozione e vita, ecco cosa ho ricevuto oggi”
“Perdono, perdonami amore mio se il mio cammino è stato difficile e non so renderti felice, se non so prendere tra le mia mani il tuo dolore e consolarti per alleviarlo. Perdonami , così che io possa cambiare, crescere , migliorare e diventare più forte e sicura. Ora le lacrime scendono colme d’emozione, quell’emozione che ho dentro e che Gabriele ed Ambrose hanno toccato e hanno fatto risuonare fino a farle uscire… ed ora sospiro. Grazie di cuore Tiziana”
“Perdonare è
continuare la creazione,
è connetere la rinascita,
con la sua gioia e il suo dolore,
è far ripartire il cammino,
riprendendo le forze e curando le ferite,
è la gioia della vita che rinasce,
per sempre”.
“Grazie alla tua voce naturale che dal cuore ha sgorgato verso il cielo”.

Veniteci a trovare
il 11 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: