Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

MANIFESTAZIONE Sgomberiamo Renzi! No Jobs-act! No Piano-casa!

Firenze - Piazza San Marco Via Camillo Cavour, Firenze, Italia
Google+

E’ bastata qualche settimana al Governo in carica per dimostrare in cosa consistesse il famoso “cambiamento” promesso da Renzi: niente. O meglio: il suo Governo non fa altro che spingere sull’acceleratore sul fronte delle politiche di austerity e precarizzazione delle vite, mentre gli effetti della crisi economica si fanno sempre più insopportabili per milioni di persone.

Il Jobs Act estende e approfondisce la precarietà sul lavoro. Cancella diritti. Richiede a tutti la disponibilità incondizionata allo sfruttamento come unico rimedio all’impoverimento diffuso legato alla disoccupazione.

Il nuovo decreto lavoro di fatto sancisce la fine del contratto a tempo indeterminato. Consente infatti la stipola di contratti a termine con ben 5 proroghe, che possono arrivare fino a 3 anni senza che sia necessario indicare
della motivazione.
Se ciò non bastasse, il decreto Poletti elimina anche ogni possibilità di controllo sulla formazione del contratto di apprendistato, lasciando il lavoratore in balia del padrone. Quest’ultimo, nelle aziende sotto i 30 dipendenti, potrà tranquillamente sostituirlo con un nuovo “apprendista sfruttato” senza nessun obbligo e a proprio piacimento, risparmiando così su salario e contributi.

Manganelli e sgomberi per i senza casa, soldi e tutele per banche, proprietari, e speculatori: è questo il piano-casa del governo Renzi. Un provvedimento che si preoccupa di rilanciare i meccanismi della rendita e non fa nulla per le migliaia di persone in emergenza abitativa. Un infame art.5 dichiara guerra agli occupanti di case, prevedendo per
loro il distacco di acqua, luce e gas e il diniego delle residenze.

Sul nostro territorio, intanto, il PD continua a governare facendosi il migliore interprete e garante degli stessi interessi: quelli delle banche, della finanza, dei costruttori, delle cooperative-rosse-di-vergogna e di tutto il mondo padronale. Che si parli di politiche sul lavoro, di misure rispetto all’emergenza abitativa, della gestione delle risorse pubbliche e del territorio la storia non cambia: sono i bisogni dei subalterni, di chi subisce la crisi, di chi vive la precarietà, di chi non arriva alla fine del mese a entrare direttamente in conflitto con una governante che dichiara guerra alle nostre vite.
Sabato 17 maggio come movimenti sociali e sindacati di base vogliamo riportare in piazza la contrapposizione al modello-Renzi nella “sua” Firenze, nella “sua” Toscana. Vogliamo costruire una manifestazione meticcia in cui possa trovare spazio la rabbia degli sfrattati, dei lavoratori, dei disoccupati, dei giovani contro un presente di austerity e precarietà e che dia un ulteriore spinta ai processi di autorganizzazione sociale che si stanno dando sul territorio.

CASA E REDDITO PER TUTTI!
PRECARIETA’ PER NESSUNO!
+ salario per – lavoro

Assemblea contro l’Austerità

Veniteci a trovare
il 17 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: