Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

ENRICO CAPUANO e DUNIA MOLINA incontrano i cantautori feat ANEMAME'- @CUEVA BRIGANTE- CHIETI- Domeni

Cueva Brigante Via porta Pescara , Chieti CH, Italia
Google+

ENRICO CAPUANO & DUNIA MOLINA "INCONTRANO I CANTAUTORI" feat ANEMAME' @LA MANDRAKATA (zona QUADRANTE) - 24 Aprile- CASOLI (CH)
Ingresso Gratuito - Info 0872.981361 – 347.5788566

Enrico Capuano dal 1981 è il folk rock in Italia il capostipite di questo genere nel nostro paese

La passione di Enrico Capuano per la musica nasce sin da bambino: a casa ci sono i 33 giri di Rolling Stones, Beatles, Led Zeppelin, Black Sabbath…, tutta la musica rock degli anni Sessanta e Settanta, accanto ad un'altra serie di dischi particolari, quelli legati alla casa discografica 'Dischi del sole'- edizioni 'Bella ciao' con Ivan Della Mea , Giovanna Marini, E'Zezi, che negli anni Settanta imperversano la scena musicale militante. "Diciamo che da bambino ho acquisito tutta questa musicalità e l'ho talmente assorbita che all'età di dodici anni, già facevo una trasmissione ad una Radio romana una radio politica del movimento la trasmissione si chiamava 'Folk in lotta', dove mandavo in onda la musica popolare facendo i dibattiti in diretta sul significato di musica popolare. La gente pensava che fossi una donna, 'la compagna che sta alla radio'; non si rendevano conto che era la voce di un bambino".
L'atmosfera della contestazione è quindi acquisita da subito, anche grazie alla passione per la musica dei fratelli più grandi, dei quali uno suona nelle band rock dell'epoca ed un altro nella musica popolare. Gli anni settanta, accanto all'esplosione dell'hard rock di matrice anglo-americana, vedono una forte presenza della musica popolare: ci sono gruppi come i Tarantolari di Tricarico con Antonio Infantino, che molti anni più tardi avrà un suo ruolo importante nell'immaginario di Enrico Capuano. "Antonio Infantino è quello che poi ha cantato come ospite nel mio ultimo disco, quindi certi corsi e ricorsi storici ritornano, e probabilmente quel sogno che da bambino mi ha impegnato la mente musicalmente poi è diventato una realtà. Come con gli E'Zezi, un gruppo che poi ho prodotto, o Giovanna Marini: sono stato nel suo laboratorio a testaccio per molto tempo, e tutta una serie di cose e personaggi che più o meno erano dei miti per me".
L'accostamento proprio alla musica popolare tradizionale nasce più tardi, dall'amore per il progress italiano della Pfm, del Banco, paralleli ad Alfredo Bandelli mitico cantore Pisano con il quale Capuano fonderà la Sacs, una società di artisti militanti, Alfredo Bandelli poeta operaio rappresentante più autentico di quella cultura che dal mondo contadino diventava operaia mantenedo l'estetica del canto contadino, ma dentro temi ormai sociali legati alla catena di montaggio, e dentro i ritmi non più tradizionali contadini, ma della fabbrica. "In questo senso Antonio Infantino è interessante o gli stessi E'Zezi, e questo è un aspetto che mi è sempre piaciuto e interessato: loro partivano dal mondo contadino con la tammurriata, o la taranta, che poi si mescolavano con il ritmo della fabbrica, della catena di montaggio di cui si riproducevano i ritmi e addirittura si cantavano delle frasi sui quei ritmi senza però perdere l'estetica del mondo contadino che ha tante caratteristiche, la musica è più modale con un modo di cantare spezzettato, con il fiato preso in mezzo alla parola, in un modo diametralmente opposto a quello dell'impostazione classica. Penso al modo di cantare delle donne, delle mondine ad esempio, o delle persone che lavoravano la terra che non potevano impostare la voce, cantando quindi con la tipica 'impostazione' nasale, un timbro proprio che ha una sua estetica e un suo temperamento".
Dopo varie esperienze musicali in cui la musica è vissuta soprattutto a livello non tanto 'professionale'quanto militante, dagli anni Novanta dopo aver sduonato dal 1981 tarantelle con una chitarra distorta Enrico Capuano inizia ad affrontare in maniera più consapevole la tematica del rock da accostare alla musica popolare italiana: "Quello che io chiamo e definisco rock italiano per me è folk-rock, non è quello cantato in italiano sui cliché anglo americani. Fare del rock italiano, secondo me, è mescolare i cliché anche anglo americani ma con la musicalità, le atmosfere, i ritmi anche della tradizione italiana popolare. Questo secondo me è il vero rock italiano".
Tammurriatarock , il terzo album dell'artista, dopo Fai la cosa giusta , e Onda d'urto , compie definitivamente la commistione di rock e musica popolare. E' l'album della svolta espressiva e professionale: "Ad un certo punto ho deciso di fare il salto, e di prevedere che prima o poi nella vita, dovevo fare il musicista". E' Paolo Dossena della Compagnia Nuove Indie, ad accorgersi del 'fenomeno capuano', indipendente con all'attivo copie su copie vendute per un disco autoprodotto.
"Io ho cominciato a lavorare sui pezzi ed a formare una top band,: penso di avere uno dei gruppi più forti presenti nella scena romana e nazionale.". Con Tammurriatarock iniziano anche le importanti collaborazioni: da Lucio Violino Fabbri a Graziano Galatone, l'attrice Loredana Cannata, Piero Brega, E'Zezi, Marcello Colasondo, Eugenio Bennato, con il quale Capuano divide il palco del Primo Maggio 2002. Siamo arrivati al Primo Maggio, forse perché c'è stato il riconoscimento di una storia. Tammurriatarock è stato un disco sofferto, un po' troppo elettronico forse sugli arrangiamenti però, da lì, in particolare da due pezzi Tammurriatarock e Che giornata è stata data la luce a quello che oggi è Enrico Capuano e Tammurriatarock".
L'idea della contaminazione attuata in Tammurriatrock di poter legare il rock in quanto fatto di cultura popolare alla musica popolare propriamente detta, e di farlo in maniera forte, non ovattata, non smussata ma spigolosa, provocatoria degli elementi di rock in quanto rock e di folk in quanto folk, passando da una chitarra distorta ad un momento di saltarello invece che miscelare i basilari giri di minori armonici oppure di echeggiare le sole scale arabe, qui si arricchisce di un ulteriore elemento conoscitivo: il cantautorato nel recupero del testo unendo insieme i due aspetti musicali di folk e rock. L'aspetto autoriale diventa ancora più presente ed incisivo in Lascia che sia , l'ultimo lavoro del folk singer , come il titolo del concert film sul tour del 2002.
"Lascia che sia è il disco che secondo me visualizza meglio quello che ho inseguito per tanti anni. E' un disco dove gli elementi folk-rock sono più nitidi, e non a caso c'è per la prima volta un omaggio ad un altro pezzo, a chi in fondo mi ha sempre ispirato. Si tratta di E'festa della Premiata Forneria Marconi, che ritengo uno dei massimi gruppi italiani di questo genere". L'album, fortemente autobiografico e dedicato alla band Tammurriatarock a riconoscimento dei tanti anni e dei tanti sacrifici trascorsi insieme, mantiene sempre il concetto della filastrocca, nei testi un po' scioglilingua un pò slogan, recuperando il concetto di rap popolare. Se in Tammurriatarock ci sono ancora passaggi di musicisti, alla batteria soprattutto, Lascia che sia presenta meno ospiti, proprio per l'omaggio alla band da citare Fabiano Lelli alla chitarra, alla batteria Daniele Iacono , Claudio Clementi al basso, Stefano Ribeca ai fiati, Manola Colangeli e Dunia molina ai cori ;"è la band che è sempre con me, sul palco e in studio". Le tre tracce suonate dal vivo, vogliono riportare sul disco il particolare suono live della band, così tanto fondante il sound dei concerti. "La differenza tra lo studio e l'esperienza live con Tammurriatarock era piuttosto forte, nel senso che a volte ho fatto fatica a riportare in live tanti brani del disco, infatti non a caso molti non li ho fatti, ma non tanto perché non era possibile riproporli quanto dal punto di vista di come concepisco io lo spettacolo: un grande circo in cui il concerto è un elemento del tutto, dove è possibile il coinvolgimento di altre arti, come la danza, la fotografia, la pittura".

Ma le sorprese non mancano esce nel 2008 Fuori dalla stanza dopo tanti primi maggi fatti a piazza SanGiovanni e un centinaio di date l anno in tutta Italia , un cd prodotto da Fermenti vivi di Franz Di Cioccio e la blond records .. con Franz di Cioccio Capuano fa una bellissima tornè che lo porterà in tante belle piazze italiane .
nel cd Fuori dalla stanza ci sono 4 bellissimi inediti tra cui "fuori dalla stanza" scritto insieme a Piotta e Fabiano Lelli e Trip brano dove il rock è ancor più presente... da menzionare il tuor di Enrico Capuano fatto insieme a Luca detto O zulu dei 99 posse un tour di pura improvvisazione che riscuote un enorme successo di pubblico . nel 2012 Enrico Capuano rinnova la sua band Andrea Jannicola alla chitarra, Edo Notarloberti al violino,Roberto Lo Monaco al basso e mantiene Daniele Iacono alla batteria,Dunia Molina alla voce e lo Stefano Ribeca strumenti a fiato. nel 2011 si parte per gli USA e Canada un tour incredibile 35 giorni e 20 concerti tra i festival e locali tipicamente rock e ci nel 2012 si ritorna negli usa . Presto un cd dal titolo LIVE USA CANADA EUROPA un cd live con tre inediti suonati in studio cantando in tre lingue ..30 anni di Folk rock è il salto internazionale ormai è una realtà.

Enrico Capuano tra le tante apparizioni televisive e radiofoniche ha presentato un pezzo del concertone primo Maggio su rai tre nel 2008-2011-2012

nel 2013 dopo 100 date in Italia terzo tour negli USA e in Canada a conferma di una crescente attenzione al progetto Capuano e al suo Folk Rock

Veniteci a trovare
il 18 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: