Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

MIMI' STERRANTINO live 'Al Castello'

"Al Castello" piazza castello n°2, Castelbuono PA, Italia
Google+

Domenico Sterrantino, detto Mimì, nasce nel gennaio del 1984 sulla sponda di un ghiacciato fiume della Svezia del nord, ma solo dopo pochi mesi si trasferisce sulla calda costa della Sicilia orientale a Castelmola, ridente paesino arroccato sopra Taormina. Dal padre, cantautore folk, assorbe la passione per la musica e per la chitarra: dalla madre, svedese, prende quel tocco cosmopolita che gli permette di affiancare alla passione per la musica dei cantautori folk siciliani, l'amore per la musica
internazionale. Passa ore ed ore ad ascoltare di tutto: dal rock al balcanico, dai canti popolari al blues, dalla world music ai cantautori italiani e americani. A diciannove anni inizia a comporre brani suoi, rielaborando le influenze musicali in maniera originalissima, dando vigore alla sua composizioni con la sua voce calda e profonda. Nell'estate 2006 viene notato dalla Malintenti con cui registra un EP di 8 canzoni che pubblica nel Febbraio 2007 dal nome "Mimì Sterrantino", e in meno di sei mesi viene letteralmente polverizzato.
Dopo anni di studio e di ricerca, nell’ottobre del 2012 arriva il primo (autoprodotto) lavoro discografico ”Spengo il televisore”, registrato insieme allo spietato talento dei musicisti che lo accompagnano: “Gli Accusati”. Quattordici tracce in cui diverse atmosfere si alternano: l’amore, lo spirito rivoluzionario, ricordi d’infanzia e la spensieratezza.
Suoni della tradizione (zampogne, marranzani, tamburi a cornice e mandolini) si mescolano a: chitarre elettriche, banjo, dobro, contrabbasso e batteria dando vita ad un progetto dal corpo Rock ma dall’animo Folk.

Veniteci a trovare
il 17 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: