Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

L'HAMMERKLAVIER DI L. VAN BEETHOVEN

Centro San Secondo Via Giosuè Carducci, 22/24, Asti AT, Italia
Google+

COME UN GENIO RISPONDE ALLA CRISI DELLA SUA EPOCA

LA GRANDE SONATA PER TASTIERA A MARTELLI OP. 106 DI L. VAN BEETHOVEN


Domenica 18 maggio alle ore 17,30, presso il Salone Ipogeo del Centro Culturale San Secondo, il pianista Massimiliano Génot si cimenterà nella prima esecuzione dal vivo ad Asti della “ Grande sonata per tastiera a martelli op. 106” di Ludwig van Beethoven, detta anche “ Hammerklavier”.
L' op. 106 è una composizione di AMPLISSIME PROPORZIONI, di non facile ascolto da parte del pubblico, il quale,“anche se non può capire intellettualmente quali procedimenti compositivi staordinariamente complessi vengano messi in moto, resta soggiogato dalla MONUMENTALITà DELL'ARCHITETTURA e dalla sua VIBRANTE LUCENTEZZA” ( Piero Rattalino). Di fronte alle asperità di questa vetta della cultura musicale, la sfida che si propone Massimiliano Génot sarà doppia: non soltanto accontentarsi di suggestionare il pubblico attraverso il gioco delle sonorità, ma far comprendere dal punto di vista intellettuale quali potessero essere le ragioni delle scelte compositive da lui adottate. Al termine il pubblico potrà forse rilevare interessanti ed utili analogie tra la crisi attraversata in quegli anni dal Sacro Romano Impero e l'odierna “ SOCIETà LIQUIDA”, tra la crisi dell' individuo Beethoven e gli smarrimenti personali degli abitanti dell' ipermoderno. Davanti alla crisi Beethoven rispose con uno stile PROFETICO E PERSONALISSIMO, rivolto non più al suo pubblico, ma al pubblico del futuro. E vinse la sua sfida. Franz Liszt vinse la sua, eseguendo l' “ Hammerklavier” nel 1837 a Parigi davanti ad un pubblico che la riteneva inascoltabile, e ponendo così le basi per diventare il più grande pianista dell' Ottocento. Vedremo se Massimiliano Génot a sua volta riuscirà a convincere il pubblico di Asti.

INGRESSO 10 EURO
SOCI ALMA 8 EURO

Veniteci a trovare
il 18 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: