Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Forefront @ Palazzina Liberty 7

Palazzina Liberty Milano, Italia
Google+

Antonio Raia_Tenor/Alto Sax
Jack D'Amico_Piano/Rhodes/Fx
Umberto Lepore_Double Bass/El Bass/Fx
Marco Castaldo_Drums

Forefront nasce Trio nel 2012, con l'improvvisazione radicale alla base del proprio lavoro.

Nel 2013, con l'ingresso del sassofonista Antonio Raia, il percorso artistico inizia a guardare anche alla composizione scritta, utilizzata come scenografia dei mondi sonori che mutano di performance in performance.

Il loro primo lavoro su disco [Chaos Magnum] è dedicato alla musica contemporanea, aleatoria e a quella concreta, spettrale ed elettroacustica, e quindi a musicisti del secolo scorso che hanno cambiato il corso della musica, come John Cage, Morton Feldman, Karlheinz Stockhausen, Arnold Schönberg, Iannis Xenakis, Luciano Berio.

Forefront si propone di esplorare i meandri più oscuri dell'estetica contemporanea senza però erigere essa stessa a canone o modello.
La doppia accezione del vocabolo Forefront come "Avanguardia" e "prima linea", racconta il tentativo di entrare nella contemporaneità dalla porta principale senza però cullarsi nella sua formalità, ma facendo della forma l'elemento da distruggere e ricostruire ad ogni battuta.
Forefront mette in scena la nausea dell'epoca post-scientista, dove l'unica via per dondolarsi nel mal di mare ontologico dell'uomo contemporaneo è lo smarrimento. Perdersi per ritrovarsi ogni volta diversi e talvolta deformati dietro gli angoli spigolosi dell'improvvisazione radicale, spesso senza riuscire a riconoscersi. L'identità diventa un volto sfigurato e deformato nello specchio sonoro che riflette la malattia. In questo specchio bisogna riflettersi per poi distruggersi.

www.forefrontmusic.net

Veniteci a trovare
il 22 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: