Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Terni area di crisi industriale complessa: respingere i ricatti, difendere il lavoro

Palazzo Spada Terni TR, Italia
Google+

Il 16 maggio 2014, alle ore 17.30, presso la sala del Consiglio Comunale di Terni, si terrà l’assemblea pubblica “Terni area di crisi industriale complessa: respingere i ricatti, difendere il lavoro”. All’iniziativa, coordinata dal segretario del circolo lavoratori del PRC di Terni, Alessandro Angeletti, interverranno Giorgio Cremaschi, Alessandro Favilli (responsabile nazionale industria del PRC), Damiano Stufara (capogruppo PRC nel Consiglio Regionale dell’Umbria) e Lorenzo Carletti (Candidato a Sindaco di Terni per la lista di Rifondazione Comunista).
La crisi ormai strutturale del comparto industriale locale – dalla chimica alla siderurgia, passando per l'indotto e le piccole e medie imprese di Maratta –, unitamente agli effetti prodotti in tutti gli altri settori economici, sta determinando da tempo il disfacimento complessivo del modello di sviluppo del territorio, lacerato nel suo tessuto sociale e civile e incapace di riconoscersi nelle classi politiche responsabili di non aver contrastato questo regresso.
Su queste ragioni di fondo si basa la scelta del Partito della Rifondazione Comunista di proporre un'alternativa al blocco di potere dimostratosi finora indifferente, se non complice, rispetto al dramma sociale in corso. Un'alternativa che abbiamo appunto indicato come l'altra città, basata sull’apertura di una nuova fase di intervento pubblico in economia, che a partire dal riconoscimento dello stato di crisi industriale complessa sappia definire un nuovo ruolo delle istituzioni pubbliche nell’industria di base presente nel territorio, sottraendola ai ricatti delle multinazionali.

Veniteci a trovare
il 16 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: