Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

L'INTRUSO

Teatro dell'Orologio Via dei Filippini 17A, Roma, Italia
Google+

Uno spettacolo prodotto da RAPSODIE in collaborazione con Teatroavista.
Scritto e interpretato da DAVIDE TASSI
Regia FRANCESCA RIZZI
24 Maggio ore 21.00 e 25 Maggio ore 18.00

L’uomo normale fa paura, la normalità può fare molta paura. L’esistenza che non lascia
vie di fuga all’angoscia e alla frustrazione, è un lento ed inesorabile cammino verso la
violenza, quella pura, quasi sempre autolesionistica. L’intruso è un uomo normale:
lavora come impiegato in un’azienda, ha un orario di entrata ed uno d’uscita ed ogni
giorno ha a che fare con le stesse persone con le quali non condivide nulla oltre ad
insulsi convenevoli ed una miriade di non detti. Osserva la sua vita correre via come in
un patetico ed infinito lungometraggio in cui non interpreta nessun ruolo, lui osserva, è
lo spettatore di se stesso. Nei suoi occhi si legge la timida ed imprevedibile ferocia di
chi può tutto perché niente può perdere, la realtà gli ha rubato i sogni, lo ha depredato
brutalmente lasciandolo a combattere con i morsi dolorosi della sua solitudine. Davide
Tassi interpreta magistralmente l’uomo normale e la sua interpretazione attoriale è, al
contempo, un’interpretazione dal profondo valore antropologico sull’origine della
violenza: quando le nostre più entusiastiche aspirazioni vengono abortite da una realtà
indegna e priva di logica entra in scena la follia, il gesto inconsulto, lo strappo, disperate
reazioni di un animo vitale che non accetta di chinarsi. Sul fatto se queste reazioni siano
o meno moralmente giustificabili si divide l’opinione dell’umanità: c’è chi preferisce
chinare senza amore la testa per arrivare al traguardo e chi, invece, preferisce perire
distruggendo e distruggendosi perché non accetta l’immagine che lo specchio ogni
giorno gli restituisce. Non c’è religione o filosofia che tenga. Ciascuno di noi, nella vita,
ha sperimentato tale scelta.
L’Intruso di Tassi coglie l’ingrediente psicotico, quasi horror, nascosto all’ombra della
normalità e parlando di sé parla della vita di molti, moltissimi, sfortunatamente troppi,
esseri umani.
Leonardo Ferrari Carissimi
Regista

Veniteci a trovare
dal 24 al 25 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: