Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Presentazione del libro "Il cuore di tenebra dell'India" di Marina Forti

Johar via santa Giulia 42, Torino, Italia
Google+

Una nuova sfida si affaccia all'orizzonte delle comunità adivasi in India. La vittoria nelle elezioni
generali indiane del BJP, il partito della destra nazionalista indù, costringe tutti i movimenti tribali a
doversi confrontare con uno stato che imporrà con sempre maggior forza il modello economico di un liberismo rampante e una cultura di omologazione al modello dominante.
O forse la dichiarazione esplicita di ideali nazionalisti e di repressione delle minoranza potrà togliere il velo ipocrita che ha coperto in questi anni la politica del Congress e dell'Unione Progressista in generale?
Come reagiranno le forze progressiste a questa nuova sfida, allo scontro che ci sarà fra diversi modi di intendere lo sviluppo, fra i diversi modi di intendere il modello di convivenza fra minoranze?

Inizieremo a dibatterne con Marina Forti.
Martedì 20 maggio 2014, ore 21
presso la bottega-locanda Johar di via Santa Giulia 42 a Torino

ci aiuteranno nel dibattito
Paolo De Leo, promotore del progetto della scuola tri-linguistica in area Adivasi e
Anna Nadotti, letterata ed esperta di cultura indiana.

Il libro
“... Quando «il Dow Jones viene eletto a misura dello sviluppo» tutto dev’essere rimesso in discussione, e per farlo bisogna andare a vedere, direi a toccare, coloro ai quali vennero promesse «strade, scuole, sanità, irrigazione, infrastrutture moderne» e invece hanno visto arrivare «grandi progetti, miniere, acciaierie o dighe» con quanto ne consegue, «requisizioni di terre, foreste abbattute», che li riducono a una massa di senza nome destinati ad affollare gli slum delle metropoli ...”
da Anna Nadotti. "Leggendaria" n.99, marzo 2013
in Letterate Magazine, Reportage

L'autrice
Marina Forti è nata a Milano. Giornalista, dal 1983 al 2013 è al quotidiano Il Manifesto, dove si è occupata di attualità internazionale, immigrazione e ambiente. Attualmente collabora con Pagina99. Già caposervizio esteri, da inviata ha viaggiato a lungo in Iran, nel sub-continente indiano e nel sudest asiatico. Per la rubrica “terraterra” ha avuto nel 1999 il premio “giornalista del mese”, noto come Premiolino. Con il libro "La signora di Narmada. Le lotte degli sfollati ambientali nel sud del mondo" (Feltrinelli 2004) ha ricevuto il premio Elsa Morante per la comunicazione 2004. Da Bruno Mondadori ha appena pubblicato "Il cuore di tenebra dell’India. Inferno sotto il miracolo" (2012), un reportage sul conflitto sociale strisciante nell’India.
Da http://www.ingenere.it/persone/forti

Veniteci a trovare
il 20 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: