Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

SANTE - Natascia Abbattista

BLUorG contemporary art via M.Celentano 92, Bari, Italia
Google+

SANTE
personale di Natascia Abbattista
a cura di Roberto Lacarbonara

vernissage mercoledi 21 maggio ore 20.00

BLUorG
via Celentano, 92/94
70121, Bari, Italy

Non è rinchiudendo il vicino che ci si convince del proprio buon senso, a sentire Dostoevskij. Sante, l’ipotesi visiva condotta da Natascia Abbattista, attraversa un territorio della coscienza e dell’identità, psicologica e collettiva, nel quale sentiamo ancora balbettare le parole che Nietzsche, Foucault, Derrida e Binswanger dedicarono alla domanda sulla follia, sulla sragione, sull’orizzonte spezzato della normalità e del delirio.
Chi è che decide del buon senso, del giusto e dell’inopportuno, del folle e del santo? Se occorre individuare un grado zero della follia bisogna rintracciare il momento in cui essa viene separata dalla non-follia, mettendo in discussione le unità interamente date: date dalla storia come oggetto di verità conoscitiva, date come assolute.
La giovane artista pugliese, ricorrendo ad un lavoro di aggressiva decostruzione della propria immagine, agendo tra ironica stravaganza e drammatica deformazione, rievoca il percorso analitico tracciato da Jean-Martin Charcot nel trattamento delle malattie mentali. Charcot, uno tra i maggiori neuropsichiatri del XIX secolo, operò nell'istituto parigino Salpêtrière dove condusse i suoi studi sull'isteria epilettiforme arrivando a definire la malattia quale nevrosi sprovvista di danno anatomico specifico che tuttavia si manifesta con attacchi di estremo parossismo. Attraverso una accuratissima ricerca fotografica il medico documentò fasi e anatomie isteriche soffermandosi in particolare sulle impressionanti forme di “attitudes passionelles” legata alle strazianti fasi allucinatorie.
Negli autoscatti presentati in mostra, tuttavia, i linguaggi, le dinamiche, le posture e le espressioni facciali che la Abbattista ripropone, risentono di una seconda decisiva influenza iconografica, incredibilmente isomorfa rispetto a quella degli scatti di Charcot. Si tratta degli studi sull’estasi citati da Vittorino Andreoli nel suo saggio “ Follia e Santità”, momenti di torsione corporale e agonia psicotica che ricorre nelle biografie agiografiche di Santa Emma Galgani e Santa Teresa D’avila.
Il luogo della sovrapposizione visiva tra isteria e santità sconfina irrimediabilmente nell’esigenza etica ed epistemologica del “discorso sulla follia”, ovvero nel tentativo impossibile di colmare lo iato tra accettazione e rifiuto sociale di tutte quelle forme liminali del comportamento umano. Una ricerca visiva, dunque, che pone acute domande sui processi culturali alla base della definizione dell’altro, dell’ignoto, di colui che travalica linguaggio e comprensione.

Roberto Lacarbonara

Veniteci a trovare
dal 21 maggio al 21 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: