Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Inaugurazione mostra “C-arte in-chiostri e scrittura/e”

Biblioteca Classense via baccarini 3, Ravenna RA, Italia
Google+

La mostra, che si svolge a Ravenna dal 20 al 25 maggio 2014, è dislocata in luoghi diversi della città collegati al progetto "SCRITTURA Festival". La città stessa diviene, in parte, una galleria a cielo aperto e vari luoghi come Piazza dell’Unità d’Italia, i chiostri di Biblioteche, alcune librerie e qualche edificio storico, sono stati allestiti con opere di artisti contemporanei che si sono confrontati col libro e con la scrittura, da sempre uno dei principali strumenti espressivi utilizzati dall'uomo. Ogni artista ha dato corpo alla propria idea di scrittura con oggetti diversi, spesso tridimensionali, come i libri d’artista che diventano metafore dei significati molteplici legati alla suggestione che solo la scrittura e il libro possono esprimere. Ne nascono grafie e segni, nelle opere di Riccardo Righini, presentate come storie e stagioni scritte dall’anima.Spesso la riflessione riguarda il libro e la sua metamorfosi odierna, poiché i libri si stanno trasformando in qualcos'altro, ed è interessante vedere come gli artisti hanno interpretato questa trasformazione.Il tema della scrittura viene declinato con varietà di linguaggi espressivi.La parola scritta si fa leggera per lasciarsi trasportare nell'opera collettiva, oppure si trasforma, in relazione all'uso che se ne può fare, e, come sui quotidiani, viene portata in giro dal vento dai libri farfalle di Rosa Banzi.Le parole e la cultura che Loretta Zaganelli presenta in forma di panini ripieni di pagine, possono essere rubate e mangiate, divenendo cibo per l'anima. La parola crea intrecci e incroci, rivestendo anche gli oggetti del nostro quotidiano nei vasi di Marcello Bersini e nei vasi coi cruciverba di Giovanni Musci. Ci aiuta a raggiungere luoghi elevati, impalpabili come nuvole, quasi a poter vedere il mondo dall’alto nella nuvole con carte geografiche e nei palloncini di Maria Giovanna Morelli.La carta si fa nido, spazio intimo in cui essere accolti nei nidi di Nadia Trotta. La parola scritta riveste le nostre fragili protezioni, e porta in giro il nostro racconto, per ridisegnarci come nei libri d’artista di Monica Zani, Alice Iaquinta e di Fausto Fori. Narra le nostre gioie e sofferenze nel libro di Paolo Gagliardi e nel foiletton di Claudia Majoli, o ancora riscrive il vedere oltre le trame nella collezione dei "Vestiti Nuovi dell’Imperatore" di Silvia Casavecchia, mettendo in luce alcune verità.In altri casi il libro diviene veste scritta, densa di testamenti poetici, pronta per essere indossata come un grande gioco dove realtà fisica e fiabesca giocano un’eterna partita nel lavoro della coppia Stradada (Giovanni e Renata Strada).In ogni caso si ricrea continuamente, ricollegando immagini, ricordi, frammenti e altri oggetti trovati, come accade nei libri di Andrea Zaffi, oppure diviene luogo ideale per dissertazioni filosofico-geometriche, dove strategie razionali colorano di segni imprevisti pagine a quadretti, creando mappe mentali concettuali, nel libro di Cinzia Ortali. In altro caso le parole si susseguono nella sceneggiatura del film di Greenaway "Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante" creando un affascinante film "muto", scritto a mano con pazienza estetica da Francesca Maltoni, su un lungo rotolo di carta. Il libro divenuto tecnologico si scioglie fondendosi in un magma di plastica, cenere, parole e carta di Fulvio Celico. Ed è in un estremo e metaforico dialogo tra il tempo mitico della poesia e le vertiginose velocità delle nuove tecnologie che le parole scritte formano una Santa Sebastiana trafitta, strettamente legate, tra natura e cultura, ad un albero colonna sacrificale, nell’opera di Ezio Antonelli.

a cura di CRAC, associazione artistico-culturale di promozione sociale.

Opere di: Ezio Antonelli, Rosa Banzi, Marcello Bersini, Silvia Casavecchia, Fulvio Celico, Fausto Fori, Paolo Gagliardi, Alice Iaquinta, Francesca Maltoni, Claudia Majoli, Giovanni Musci, Maria Giovanna Morelli, Cinzia Ortali, Riccardo Righini, Renata e Giovanni Strada, Nadia Trotta, Andrea Zaffi, Monica Zani, Loretta Zaganelli.

INNAUGURAZIONE 20 maggio ore 18.30
@ Biblioteca Classense
con letture di Marco Focaccia, Enrico Battaglia, Viola Casadei, Ilaria Cavezzali, Matteo Gatta, Massimiliano Rassu, Luca Soleri

Veniteci a trovare
il 20 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: