Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Il principe è in sala - Cantiere teatrale Ca' Foscari

Teatro Ca' Foscari Venezia Venezia, Italia
Google+

liberamente tratto da "La commedia della seduzione" di Arthur Schnitzler e "Il mondo di ieri" di Stefan Zweig

Progetto, adattamento teatrale e regia a cura di
Elisabetta Brusa

con: Simone Bangoni, Francesca Diletta Botte,
Lodovica Capovilla, Francesca Loda, Maria Anna Montanino, Giovanni Morandini, Luca Napoli, Michele Onori, Gianluigi Polizzi Sasso, Margherita Pugnaletto, Federica Zagatti, Rosa Zambelli

danza orientale: Corina Borchin, Dejana Kalinic, Alice Pellegata

assistente alla regia: Federica Zagatti
costumi e attrezzeria : Elettra Del Mistro
collaborazione: Francisco de Borja Iglesias Gomez
grafica Secessione viennese: Furio Visintin
videoproiezioni : Paolo Mezzalira
illuminotecnica: Cristiano Colleoni
_____________________

Per saperne di più:

Nel 2013/2014, come nuova sfida del suo percorso di ricerca Teatro Cantiere Ca’ Foscari affronta proprio la creatività come ponte fra artista e spettatore e come elemento affascinante e
unico del cervello umano e, per fare questo, rivolge il suo sguardo all’epoca e alla città che ha visto nascere questa consapevolezza: Vienna nei primi anni del Novecento, esempio ideale del modo in cui alcune intuizioni psicologiche e biologiche hanno arricchito il mondo dell’arte, dando forma ai sentimenti interiori dell’uomo nuovo che si stava formando.
Tra letteratura, teatro, pittura, musica e nuova scienza della mente nasceva con Freud, Schnitzler, Klimt, Schoenberg, Lou Salomé… e molti altri una vera e propria alchimia, dalla quale il mondo femminile con la sua varietà di sfumature emotive non veniva escluso. Il lavoro che questi artisti e uomini di scienza sperimentavano entrando nel teatro privato della mente di un “modello”, passando attraverso il loro personale coinvolgimento emotivo, incoraggiava lo “spettatore” a reagire empaticamente allo stimolo. Idea rivoluzionaria all’epoca, che ci fa riflettere sul nostro presente, su quanto siamo andati oltre a quella rivoluzione e su quanto la nostra rivoluzionaria tecnologia può incidere tra arte e scienza sull’invenzione del nostro perennemente nuovo modello del mondo

Veniteci a trovare
dal 20 al 21 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: