Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Sleep Elevation

TFC Teatro Furio Camillo via Camilla, 44 , Roma, Italia
Google+

SOSTA PALMIZI presenta

SLEEP ELEVATION

"Every once in a while this would be nice. Every once in a while I wanna fly away in my sleep and wake up somewhere new. Some place beautiful. Filled with love"
Maia Flore

regia, coreografia, scenografie e costumi
Mariella Celia
interprete Mariella Celia
occhio esterno Giorgio Rossi
arrangiamenti e post produzione musicale Alessio Rosi, Casa Ohm
disegno luci Stefano Pirandello
sostegno di Electa Creative Arts, La Scatola dell’Arte, Sosta Palmizi


Sleep Elevation trae ispirazione dal SOGNO LUCIDO, O SOGNO COSCIENTE, in cui si sogna consapevoli di stare sognando. Si è allo stesso tempo attori e spettatori del proprio sogno, manifestazione dei moti inconsci, in questo caso delle proprie insicurezze, dei limiti che abbiamo e di quelli che ci imponiamo. In questo tipo di sogno possiamo in qualche modo “manovrare” i nostri comportamenti, le nostre azioni e reazioni. Vediamo chiaramente cosa ci caratterizza, prendiamo consapevolezza e sperimentiamo, decidendolo, nuove strategie di azione/reazione per attuare un cambiamento.

Sleep Elevation è un sogno lucido al confine tra comico e drammatico, tra teatro e danza. Protagonista una donna rinchiusa nel suo piccolo mondo, la sua camera. È in vestaglia, in attesa di una telefonata… lei, i suoi assordanti pensieri e... il suo cellulare.
Poi l’armadio, Il luogo dove la donna guarda in faccia tutte le sue insicurezze. Lì veste due personalità diverse, le due donne che forse LUI potrebbe volere e va a cena con i “propri mostri”, per liberarsene.
Non sfuggendo, ma accogliendo il nostro lato oscuro possiamo illuminarlo!

Veniteci a trovare
il 4 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: