Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Garrincha,l'angelo dalle gambe storte

Td IX - Teatro Tor Di Nona via degli Acquasparta, 16, Roma, Italia
Google+

Garrincha,l'angelo dalle gambe storte
regia di Giancarlo Fares
con F.Valeriano Solfiti
percussioni Pietro Petrosini

Torna Manè,l'angelo dalle gambe storte. In tempo di mondiali brasiliani, la favola di Manè Garrincha, l'ala destra più forte del mondo.
Dentro lo spettacolo ci sono Valeriano Solfiti e Pietro Petrosini. La regia è di Giancarlo Fares. Noi saremo al Teatro Td IX Tordinona il 20 e 21 maggio alle 21,
per chi volesse venirci a trovare.Il teatro si trova in centro. Saremmo ben contenti di vedervi.

“...la rivoluzione sociale si ferma estasiata a guardare il signor Manè palleggiare, e poi riprende la marcia...” (Vinicius Moraes)
La favola di Manoel Francisco dos Santos, l’ala destra che sussurrava ai passeri.
Il grande Garrincha, il bambino che anche nella vita si è trovato di fronte alla necessità di continuare a dribblare, superare persone, cose e fatti di fronte a lui per non cadere. Una vita intera passata in quella zona del campo dove non esistono regole, dove l’unica regola devi essere tu, ai margini di quella linea bianca che separa il mondo da te: la folla dal singolo, il razionale dalla follia, la morale dal cuore, la prosa dalla poesia.
La gioia del popolo, così era stato soprannominato il grande Garrincha, l’uomo che ha insegnato alla gente a ridere. E quanto a riso la gente, prima con lui, poi, una volta oltrepassata quella linea, di lui.
Prima osannato, innalzato a mito, poi umiliato e abbandonato, degradato a ubriacone, a poveraccio, mai abbastanza ringraziato e troppo tardi pianto.
Il grande Garrincha, poeta della finta impossibile, ha insegnato al mondo tutto che il calcio è gioia, una festa, divertimento, ma soprattutto poesia, e di questa poesia è stato il miglior autore. Un uomo, un bambino che ha deciso per tutta la vita di giocare, giocare al calcio, con le donne, con gli amici, con la vita: senza mai smettere.
La storia di un angelo, di un “diverso”, puro, una leggenda, quasi non fosse mai esistito, un tramite tra il popolo e la gioia, una storia che i nonni raccontano ai nipoti.
Una storia vera, vissuta e pianta, perché ci piacerebbe tanto, oggi, un altro Garrincha.

Veniteci a trovare
dal 20 al 21 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: