Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

IL CIELO NON CADE allo Short Film Corner - Festival di Cannes 2014

Festival de Cannes - Page Officielle Palais des Festivals et des Congrès, Cannes, Francia
Google+

scritto da
Domenico Laddaga e Rossella Caiani
musiche originali Michele Marrulli
la canzone “Tra i baci degli arrivederci” di Davide Mangione
fotografia Vincent Longuemere
prodotto da Milada Produzioni e INTERGEA srl

con
Rossella Caiani - Gianni D’Addario - Alice Zagariello - Walter Ambrosecchia

ufficio stampa Giampaolo Iacobini
pubbliche relazioni e marketing Julia Gautier
aiuto regia Natascia Abbattista
segretaria di edizione Violetta Torres
operatore Dario Di Mella
assistente operatore Nicola Pertino
capo elettricista Rio Cadau
elettricista Vincenzo Ardito
suono di presa diretta Leo Zagariello
fotografo di scena Rino Di Benedetto
trucco Patrizia Altieri
storyboard Nino Nirchio
sottotitoli Amir Gharaba

Recensione di Marina Dimattia
Prese per mano, condotte intorno agli spigoli più acuminati, la vita e la morte si prendono la scena. I due misteri, l’uno che apre, l’altro che chiude l’esistenza, sono sigillati da sette sigilli. Aperti uno per volta, in un susseguirsi ordinato di profezie. Dietro quell’elenco di numeri si nasconde una quantità di dolore e di speranza. A tratti vana. A tratti tangibile.
A condizionare gli avvenimenti all’interno de “Il cielo non cade” sono dei sassi, pietre più piccole e
massi più grandi, rocce e macerie che affollano la terra, prima della Apocalisse.
Giovanni e Rachele crescono insieme, a legarli un amore che stentano a dichiararsi, e la passione per il cinema. Giovanni sostiene Rachele nel momento della sua discesa agli inferi. Nel suo mondo non esiste il sottotesto, tutto prima o poi deve essere esplicitato.
Rachele è uno scrigno di entusiasmi ed energia, senza nemmeno una smorfia di fastidio prende a schiaffi la vita e la affronta. Ma più accaniti e infami di così, i loro sigilli non potevano disvelarsi. Mentre in un crescendo di eventi la storia non rallenta il suo incedere, piuttosto incalza.
È solo quando avranno trovato la roccia dentro, che Giovanni e Rachele riusciranno a guardare con occhi diversi le sfumature grigie della vita.
Il regista Domenico Laddaga non perde occasione per mettere in evidenza da una parte la materialità e la tangibilità della roccia, dall’altra l’”immaterialità” del corpo umano. «Ho un cuore, ma non l’ho mai visto. Ma una cosa che non hai mai visto, che non sai nemmeno come è, come fa ad essere tua?», pronuncerà Rachele nel corso della storia.
Denudati negli stati d’animo più infantili e fragili, i due amici lottano insieme. E per loro la catastrofe avrà sempre il volto disfatto.
Giovanni, dopo aver beffato per mesi la morte della sua amata, “inciampa” fatalmente in un ammasso di sassi. Poche ore prima di quel giorno spartiacque tra l’amicizia e l’amore. È in quel momento che l’ambientazione della vicenda verrà resa nota allo spettatore e l’epilogo sembrerà solo apparentemente preannunciato.
In una notte dalla quale non si potrà più tornare indietro, una mano invisibile scuote il letto, le pareti della stanza e i quadri, in una sensazione di squilibrio morale prima ancora che fisico. In pochi secondi tutto si muove. Solo il ticchettio dei pensieri felici e il frastuono delle emozioni che barcollano nella testa di Giovanni, può aver coperto l’inferno. Quando il sogno nel suo giaciglio viene bruscamente interrotto.
Prima ancora che la terra riassorba le lacrime per quel morto, per quei morti, un sasso ne rende giustizia tra una miriade di altri sassi. La pietra del ricordo, in nome dell’amore.

per l'accesso alle Grotte di S. Angelo grazie a
Eng. FRANCO TUFARO
ELENA FERRARI
Città di CASSANO ALLO IONIO

ringraziamenti speciali a:
ORSOLA TOPPUTO
MICHELE LADDAGA
Emanuela Laddaga
Francesco Laddaga
Francesco Topputo
AUSL BA 7
Dr. LUCIA LADDAGA
@-LA PLAYA DEL SOL- Beach di Franco Mazza di Marina di Sibari (Cs)
Donatella Altieri
Maria Pina Digiesi
MARIANTONIETTA ALTIERI
Antonella Giglio
TERRY PATERNOSTER
Donato Paternoster
Luca Marrocco
VITO CIPOLLA
VENIERO SCIAMANNA
Massimo Stefani
Daniela De Felici
LA COMPAGNIA TEATRALE LE VIGNACCE
NELLO CAPPELLI
Alexandra Mogos
MAIL BOXES ETC - GRAVINA IN PUGLIA
RENZO OLIVIERI
Michele Dilorenzo

Veniteci a trovare
dal 14 al 25 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: