Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Gust'Arte 2014

Cantina Roccafiore Todi PG, Italia
Google+

Il progetto Gust’Arte si propone di far conoscere attraverso dei contenitori ready-made, dipinti da artisti Umbri di Arte Contemporanea, la qualità delle eccellenze del vino umbro prodotto dalla Cantina Vinicola Roccafiore di Todi (PG)

Queste opere d’arte viaggeranno in un tir attrezzato, attraversando l’Italia e sostando soprattutto nei musei o nelle piazze antistanti ad essi, facendo degustare durante i vernissage i vini pregiati della Cantina Roccafiore e prodotti tipici Umbri. Ci saranno delle tappe anche in meeting Sportivi e Festival.

L’organizzazione è a cura di Auro e Celso Ceccobelli, i luoghi e date sono da decidere lungo il corso della raccolta del materiale, una prima esposizione verrà fatta durante Cantine Aperte a fine Maggio nella Cantina Roccafiore

Agli artisti e stata fornita una scatola di vino in legno vuota, perché venga dipinta, lasciando però visibile il marchio del vino; gli artisti partecipanti rappresentano la giovane Arte Italiana, ed aumenteranno ogni anno. Prima del tour espositivo sarà fatto anche un catalogo delle opere, con testo critico di Manuela de Leonardis. Le Opere d’Arte non saranno in vendita e faranno parte della Collezione d’Arte della Cantina Roccafiore, saranno esposte con cura all’interno del mezzo viaggiante in un’apposita struttura espositiva.

Verrà fatto un video documentario firmato da Auro e Celso Ceccobelli che raccoglierà le immagini degli artisti al lavoro sull’opera nei loro studi.

Gli artisti partecipanti sono:

Eleonora Biagetti, Antonio Buonfiglio,
Francesco Capponi, Michele Ciribifera,
Mario Consiglio, Carlo Dell’Amico,
Massimo Diosono, Marino Ficola,
Benedetta Galli, Rolf Jacobsen,
Graziano Marini, Rita Miranda,
Gianni Moretti, Nicola Renzi,
Jack Sal, Meri Tancredi,
Lisa Wade, Antonella Zazzera.

Inoltre saranno presenti, con le loro opere, gli amici della Cantina Roccafiore:

Natino Chirico, Chiara Montenero, Andrea Pinchi, David Pompili.

Chiara Montenero ha scritto degli Haiku abbinati ad ogni opera esposta.

________________________________________

Gust’Arte. La scatola che viaggia

di Manuela De Leonardis

Una scatola che viaggia, un po’ come la valigia di Duchamp. Un contenitore che rende immortale il gesto artistico, diventando esso stesso opera. Questa è la finalità di un progetto come Gust’Arte, che traduce l’incontro di aspetti sensoriali in una visione di più ampio respiro.

Le radici sono ben piantate nel territorio umbro, humus fertile in termini di cultura, sia essa enologica che artistica.

Intuito e passione sono la forza motrice del progetto - nato da un’idea di Leonardo Baccarelli e curato da Auro e Celso Ceccobelli - che coinvolge in una libera riflessione, sia dal punto di vista tematico che tecnico, artisti attivi in Umbria.

Artisti a cui viene consegnato un materiale di “scarto”, la scatola in legno per vini svuotata del suo contenuto - quindi in un certo senso “neutralizzata” - perché venga reinterpretata creativamente secondo il linguaggio e la poetica del singolo autore.

Ma è solo apparente il paradosso innescato dall’idea di scatola = oggetto/involucro atto a contenere/conservare/trasportare materiali, quindi entità concreta che definisce anche uno spazio fisico, e l’implicazione di eternità, o meglio sconfinamento nello spazio e nel tempo, che è prerogativa dell’arte.

Il messaggio è liquido, ricorrendo all’impiego di un aggettivo che descrive il vino che, imbottigliato, era l’originario occupante delle scatole.

Nel binomio vino-arte, del resto, c’è tutta una tradizione che testimonia l’interesse reciproco dell’arte per il vino e del vino per l’arte. Dall’Ottocento ad oggi le case vinicole più lungimiranti (un interesse che nasce in Francia e trova successivo riscontro anche in Italia) invitano artisti famosi a realizzare etichette d’autore, creando edizioni limitate che entrano a pieno titolo nell’interesse dei collezionisti: da Antoni Tàpies a Georges Braque, Joan Mirò, Francis Bacon, Robert Rauschenberg e poi Enrico Baj, Arnaldo Pomodoro, Mimmo Rotella, Giacomo Manzù, Emilio Isgrò, Yoko Ono, Enrico Castellani, Hidetoshi Nagasawa, Fabrizio Plessi, Sandro Chia, Bruno Ceccobelli, Claudio Bonichi e innumerevoli altri.

Per Gust’Arte il legame si rafforza, diventando anche portavoce di un segnale positivo nel critico panorama economico-finanziario del Belpaese, in cui il settore eno-gastronomico è tra i pochi non solo a resistere, ma addirittura ad essere in crescita.

Ma tornado alla scatola che viaggia, non si tratta solo di una visione metaforica dei lavori, ma del movimento reale con cui il progetto e le opere stesse viaggeranno in Italia, messaggere di riflessioni corroboranti da far decantare e poi assaporare.

Veniteci a trovare
il 25 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: