Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

INDIE #18 - QUARTA SERATA

Politeama Corso Cavour 20, Pavia PV, Italia
Google+

GIOVEDI' 22 MAGGIO

INGRESSO INTERO SERATA - 5 EURO
SERATA RIDOTTA SOCI UDU, ARCI, CINETECA E AGIS - 4 EURO
FILM SINGOLO INTERO - 3 EURO
FILM SINGOLO RIDOTTO - 2 EURO

Sala Politeama - corso Cavour, 20 - Pavia

ore 20.30
Tango Libre
Regia Frédéric Fonteyne, interpreti François Damiens, Sergi López, Jan Hammenecker, Anne Paulicevich, Zacharie Chasseriaud, origine Belgio, Francia, Lussemburgo 2012, durata 105'.
JC lavora in un carcere come guardia. Vive solo, rispetta le regole e coltiva una sola grande passione: ballare il tango. Una sera incontra Alice ad un corso di danza, balla con lei, ne resta folgorato. L'indomani la rivede. Lei però è in carcere. Sta facendo visita ad un detenuto... anzi, a due!
Le regole son fatte per essere infrante, o almeno così ci insegnano alcuni film. Tango Libre è uno di questi. Ma il metro adottato non è per niente ruvido.
Tragicomico, colorato, divertente e appassionato questo film ci trascina in un irresistibile giro di danza. Febbrile e complesso il modo di girare di Fonteyne sembra ispirarsi alla delicata intima comicità di un Leconte ibridata con il caustico, nervoso, inimitabile tocco di un Bertrand Blier.
Film d’autore che non disdegna di attrarre anche un pubblico meno impegnato Tango Libre gioca sì su tanti livelli, riuscendo tuttavia alla fine a non deluderne nessuno. Fluente.

ore 22.30
Zoran, il mio nipote scemo
Regia Matteo Oleotto, interpreti Giuseppe Battiston, Teco Celio, Rok Prasnikar, Roberto Citran, Marjuta Slamic, Peter Musevski, Riccardo Maranzana, Ivo Barisic, origine Italia 2013, durata 103'.
Il quarantenne Paolo, interpretato da Giuseppe Battiston, vive a Gorizia, giocava a rugby e oggi, disilluso, lavora come cuoco alla mensa di un ospizio per anziani.
Passa il tempo all'osteria di Gustino, ma non perde occasione per tormentare, anche se in modo infantile, la “povera” ex moglie. Poi arriva Zoran, uno strano nipote di sedici anni, che lui non ha mai conosciuto, ma di cui ora deve necessariamente, anche se forse per poco tempo, occuparsi...
L’esordio di Matteo Oleotto (che davvero di Gorizia è originario) centra il bersaglio.
Un protagonista meschino, il cinismo che si distilla a gradazione alcoolica, la crudeltà autentica, che solo il divertimento può rendere accettabile e, addirittura il riconoscimento del Premio del Pubblico alla più recente Settimana della Critica della Mostra del Cinema di Venezia: che cosa desiderare di più? Commovente e divertito.
Testi (ma soprattutto pretesti) di roberto figazzolo

Veniteci a trovare
il 22 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: