Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

SUL SOTTOSUOLO spettacolo teatrale

Kraken Teatro Via Del Canaletto 327 Migliarina, La Spezia SP, Italia
Google+

Il sottosuolo è l'interiorità della terra e la metafora della profondità dell'anima.
Quel cupo senso di oppressione, quella mancanza di cielo, quella vicinanza agli inferi, quel senso della terra concepito a rovescio, non legame concreto con un suolo su cui siamo piantati e camminiamo, ma un carcere, soffitto incombente sulle nostre teste che impedisce la libertà, costringe all'introspezione e toglie il respiro. Sono questi i sintomi di una vita vissuta nel sottosuolo.
Ciò non toglie che il sottosuolo possa col tempo presentarsi un gradevole underground, farsi accessoriato e illuminato, come una metropolitana o una galleria farcita di supermercati e vetrine, come accade oggi a molti passaggi sotterranei. Ma resta quella sensazione claustrofobica di vivere lontani dal cielo e dalla terra, in prossimità degli inferi, dove non s'incontrano anime vive ma merci, fantasmi e automi. E dove non si cammina liberamente ma si procede su scale mobili, a senso unico, allineati nell'automatismo dei percorsi. Nel sottosuolo, spiega Dostoevskij, si sopravvive arroccandosi nel proprio io, negandosi a ogni spiraglio di cielo, a ogni legame con la terra, in una cosmopoli sepolta e surreale, vedendo nel prossimo solo un rivale da dominare, da distruggere o semplicemente da cancellare allo sguardo. È nel sottosuolo che abita l'uomo del nichilismo, che ha perduto insieme il cielo e la terra, l'orizzonte trascendente e la realtà vitale.

Interpreti :
Riccardo Avanzini Alessio Mazzoni
Cecilia Malatesta Michela Gatti
Daniela Casciari Clarissa Pellistri
Vanessa Botti Debora Angella

Regia:
Angela Teodori
Scena : Michela Brondi
Compagnia Theatrum Chemicum
INGRESSO A SOTTOSCRIZIONE LIBERA

KRAKEN TEATRO
VIA DEL CANALETTO 327 MIGLIARINA (SP)
per informazioni 349 4248924
krakenteatro@gmail.com

Veniteci a trovare
il 6 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: