Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

"TRE PECORE VIZIOSE" - Compagnia Teatrale Il Ficodindia

Teatro ABC Via Pietro Mascagni, Catania CT, Italia
Google+

La commedia, rivisitata in dialetto catanese, si divide in tre atti e racconta in chiave comica uno squarcio di vita che, seppur scritto nel 1881, resta tutt'ora attuale. "Tre pecore viziose" , nonostante le varie rappresentazioni susseguitesi nel corso degli anni, rimane una farsa perfetta che lascia lo spettatore sempre divertito.
Scarpetta basa la trama sul vizio, per eccellenza maschile, del “tradimento extraconiugale” e racconta per l’appunto di tre pecore viziose: Fortunato, Camillo e Felice, tutti e tre sposati ed imparentati tra loro. I tre dotati di poco buonsenso, a dispetto delle mogli, se la spassano con tre giovani donne, alle quali lasciano credere di essere scapoli e di avere la serissima intenzione di sposarle il prima possibile. I primi due (Fortunato e Camillo) sono avanti negli anni e succubi dell’incombente figura della padrona di casa, Donna Beatrice (moglie di Fortunato e sorella di Camillo); l’altro, Felice, non meno succube, vive a spese della zia della moglie Virginia, figlia di Camillo ed orfana di mamma, ma ancora troppo giovane, ricade costantemente nel medesimo errore: diventa inarrestabile di fronte ad una bella donna!
Ogni personaggio spicca per una sua particolarità come l’apparentemente statica Beatrice, che seppur pare condannata dall'autore a certa immobilità rispetto agli altri personaggi principali, si consolida mediante il suo pessimo carattere e trionfa nel suo ruolo istituzionale di moglie "dittatrice" e di donna restia al perdono. O come l’ombra onnipresente di Gilda, a cui non viene data la parola, ma che diventa emblema di un'estensione dell’indole autoritaria della madre. Alla fine l’imponente figura femminile di Beatrice, viene sopraffatta dal trionfo del “maschilismo” , con la pacata accettazione del vizio e il trionfo del lieto fine (il matrimonio tra Errico e Concettella).

TURNI
- Sabato 17.15 e 21.15
- Domenica 18.15

INFO E PRENOTAZIONI: 095 532067 - 329 7580939

Veniteci a trovare
dal 24 al 25 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: