Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Rassegna Teatrale - Giovani Sipari

Teatro Dei Filodrammatici Este PD, Italia
Google+

L'Associazione Culturale Giovani d'Este in collaborazione con l'Associazione Culturale Dolfin Boldù e il contributo del Centro Produzione Nuove Idee Nautilus propone, per la prima volta ad Este, una rassegna giovane, frizzante, innovativa, senza scordare la tradizione della Musica e del Teatro.
Quattro imperdibili appuntamenti all'interno di un nuovo progetto che ha la finalità di mettere in relazione diverse entità associative/artistiche/ricreative che operano ormai da anni nel territorio atestino e che, nonostante gli obbiettivi comuni, non hanno finora avuto occasione di collaborare attivamente e fattivamente tra loro.
Come terreno comune per questa nuova esperienza abbiamo scelto la musica e soprattutto il teatro, attività sempre feconde e per loro natura spalancate a nuove proposte. Ci sembra opportuno e altresì doveroso rivolgere tale offerta culturale innanzitutto ai giovani che noi auspichiamo essere protagonisti sia sul palco che tra le file del pubblico.

La nostra proposta consta di quattro serate (ENTRATA EURO 3, CON TESSERAMENTO GIOVANI D'ESTE AD EURO 8 SI AVRA' POSSIBILITA' DI ENTRATA GRATUITA ALLE SERATE) di cui forniamo qui sotto una breve descrizione:

RASSEGNA TEATRALE "GIOVANI SIPARI"

dal 2 GIUGNO al 18 GIUGNO 2014

LUNEDÌ 2 GIUGNO , ORE 21

COMICS ovvero COME È GIUSTO CRESCERE, a cura del laboratorio teatrale dell’Associazione Culturale “Ada Dolfin Boldù” di Este

regia: Viviana Larcati

MERCOLEDÌ 11 GIUGNO , ORE 21

LE SERVE,
libero adattamento dall'omonima opera di Jean Genet,
a cura del Laboratorio teatrale “La Mano Rossa”
di Este

con: Barbara Venturato, Francesca Forapani, Marta Avanzi

adattamento e regia: Lahire Tortora

TRAMA
Le giovani sorelle Claire e Solange sono domestiche in casa di una ricca e generosa Signora. Oltre che domestiche esse sono, e/o si sentono, "serve": questa condizione, non lavorativa ma profondamente esistenziale, senza possibilità di uscita incatena le due sorelle in un rapporto di amore e odio verso la Signora. Difatti quando lei è in casa sono due domestiche perfette, mentre durante le sua assenza esse sfogano la loro rabbia verso la padrona con una macabra messinscena, interpretando a turno la Signora in un siparietto che dovrebbe portare ogni volta alla sua (simbolica) uccisione. Dovrebbe, perché puntualmente la loro recita si dilunga, e le due sorelle sono ogni volta costrette ad interromperla prima della fine, per evitare di farsi scoprire dalla padrona. Oltre a ciò le Serve, tramando alle spalle della Signora, tentano di fare arrestare il suo amante (un non meglio specificato Signore, sempre invisibile al pubblico), ma falliscono, e iniziano a rendersi conto che il gioco diabolico che hanno creato sta ormai diventando più grande di loro...

NOTA
Il nostro è un adattamento dell'omonimo capolavoro del drammaturgo francese Jean Genet (1910 - 1986), autore anche di Sorveglianza speciale, I paraventi, I negri, Il balcone.
Qual è il confine tra realtà e finzione? Dove finisce l'una e comincia l'altra? Ed esiste una netta linea di demarcazione tra loro? Queste domande, già di per sé fondamentali, diventano ancor più stringenti e incalzanti di fronte a "Le Serve" di Genet, che mescola vorticosamente le carte del vero e del falso, del reale e dell'artefatto, fin quasi allo sfinimento. Infatti l'ingranaggio infernale che all'interno del testo coinvolge le due Serve e la Signora è parte di un meccanismo assai più grande che coinvolge sia gli spettatori che l'autore stesso, il quale li sfida in un continuo gioco di specchi: oltre alle parti "meta-teatrali" di finzione nella finzione, ciascuno dei personaggi de "Le Serve" non è mai "sé stesso", ma è sempre rappresentato come di volta in volta lo vedono gli altri. Un aspetto molto difficile da rappresentare, ma proprio per questo tanto più stimolante ed affascinante, oltre che perfetto per un lavoro laboratoriale: dal momento che cerchiamo di avere sempre ben presenti i nostri limiti, possiamo dire che la nostra sfida a noi stessi, per tentare di spostarli un po’ più in avanti, parte proprio da qui.

VENERDÌ 13 GIUGNO, ORE 21

TUTTI GLI ANGELI SONO TREMENDI
di Alessandro Romano
a cura della Compagnia La Terza Generazione

con: Camilla Soravia, Lahire Tortora,
Alessandro Romano

regia: Alessandro Romano


TRAMA
Alma e Athos sono una coppia che si frequenta da qualche tempo, e torna a casa una sera dopo una serata trascorsa vedendo Il Settimo Sigillo di Ingmar Bergman. I due iniziano a dialogare, e divagano, sorseggiando un drink. Poco prima di andarsene, Athos, mentre Alma è occupata a preparare il caffè, estrae dalla tasca della giacca una pistola. La pistola, vero catalizzatore di quel che accadrà in seguito, lo “costringe” a confessare una relazione avuta in passato, ma il fatto gli permette di convincere Alma a concedersi a lui, mentre fino a quel momento la loro storia era stata priva di rapporti intimi. I due vanno a letto, ma nella notte si introduce in casa Amìr, un vecchio amante di Alma, con cui lei, svegliatasi, ha un forte diverbio. Alma, stanchissima, gli concede di restare per la notte. Il mattino dopo, tuttavia, nonostante la richiesta della ragazza, Amìr è ancora presente in casa, e nasce così un curioso triangolo ad alta dose di instabilità.

NOTA
L'opera, inedita, è una dark comedy con venature da melodramma, in cui il classico motivo comune dell'appartamento è il palcoscenico ideale in cui le diverse nature dei personaggi, venendo a contatto, collidono ed esplodono l'una contro l'altra, mantenendo, nonostante ciò, un'ironia di fondo e un fatalismo che pervade questa strana vicenda di segreti e mezze verità. Rivelandosi, in conclusione, una riflessione sulla sua inafferrabilità.


Alla fine dello spettacolo il Direttore della Scuola di Teatro, Alessandro Romano, illustrerà il corso di Regia e Sceneggiatura.

MERCOLEDIì 18 GIUGNO, ORE 21:

VIAGGIO NELLA TRADIZIONE, serata di musica, poesia e letture.

A cura del Circolo Culturale “Pasolini Pound” di Padova
Pianoforte: J. F. Pjetri C. D.
Voce : S. Fortin
Con la partecipazione del giovane pianista: G. Zocca

L’evento in programma si propone di riscoprire quella che è la grande Tradizione Culturale Occidentale, riscoprirla e darle di nuovo voce tramite l’opera di filosofi e artisti che in ogni tempo hanno attinto alla fonte di tale Tradizione.

La serata si aprirà con la lettura del passo Il cammino del creatore di F. Nietzsche – le cui parole hanno colto e rappresentano il principio necessario, la vera e propria radice su cui poggia, nasce e s’innalza la quercia di questa Tradizione. Seguiranno brani e letture di compositori, filosofi e poeti che con la loro Arte le hanno continuamente offerto nuovi rami: brani di Bach, Beethoven, Wagner e Scriabin saranno intramezzati da letture da Omero e Porfirio, Dante e Pound; Peire Vidal, Goethe, Evola, Fichte, Foscolo e Mazzini.
Durante la serata saranno inoltre presentati ed eseguiti i lavori originali di due membri del circolo Pier Paolo Pasolini: J. F. Pjetri C. D. (*1985) e F. Zevio (*1992).

Al termine delle esibizioni artistiche il maestro Jozef Pjetri, direttore della scuola di Musica centro produzione nuove idee Sala prove Nautilus, ente promotore e organizzatore della serata che ospita gli artisti del circolo, presenterà il progetto didattico della scuola, le scelte di Direzione e si focalizzerà poi particolarmente sui corsi di guida all'ascolto della musica colta e di pianoforte e infine sul progetto "musica d'insieme".

Programma
Prima parte
Bach variazione XXV da variazioni Goldberg
Fichte estratti da “Dei doveri del dotto”
Bach-Cortot Largo dal Concerto in Fa minore
Omero Odissea; XIII, 102-112
Liszt Orpheus
Goethe Ganimede
Beethoven Sonata op. 57 Appassionata
F. Zevio (*1992) Vladim (2013)
Elaborazione dei temi musicali originali di F. Zevio a cura di J.F.Pjetri C.D.
per voce recitante e pianoforte
Seconda parte
Dante estratto da “La Vita Nuova” e “Divina Commedia”
Wagner ouverture da Lohengrin
(trasc. J.F.Pjetri C.D.)
Evola estratto da “Cavalcare la tigre”
Liszt Vallée d'Obermann
Pound Canto I
J.F.Pjetri C.D. (*1985)
Tre notturni per Ezra a Venezia ( première 2013)
Per pianoforte solo
I. ricordando un Amore alle Zattere
II. Guardandosi dentro
III. Spiga cullata da placide onde
Pound Canto CXV
Scriabin Sonata n.9
Pound Canto CXVI

Infine la presentazione del C.P.N.I e della Scuola di Musica e Sala Prove Nautilus.

Ingresso a 3 euro.

www.giovanieste.it

Veniteci a trovare
il 2 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: