Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Anteprima mostra CapoLavoro

Museo Della Città Santa Giulia Via Dei Musei, 81, Brescia BS, Italia
Google+

23 maggio - 8 giugno
Anteprima mostra CapoLavoro

Arte e impegno sociale nella cultura italiana attraverso il Novecento

curatori: Mauro Corradini, Fausto Lorenzi

ANTEPRIMA:
23 MAGGIO - 8 GIUGNO 2014
MUSEO DI SANTA GIULIA BRESCIA

Orario di apertura:
martedì/domenica 9,30 - 17,30

Ingresso gratuito dalle 14,30 alle 17,30

Speciale tesserati Cgil:
ingresso all'Anteprima e al museo euro 5,50 presentando la tessera

Il 28 maggio ingresso gratuito all'anteprima e al museo

Promosso da:
Cgil Camera del Lavoro di Brescia

In collaborazione con:
Comune di Brescia
Brescia Musei
Santa Giulia Museo della Città

=================================

23 maggio, ore 18.00, inaugurazione con Susanna Camusso (segretario generale Cgil), Emilio Del Bono (sindaco di Brescia), Laura Castelletti (vicesindaco), Damiano Galletti (segretario Camera del Lavoro).


=================================
Già dal 1975 il Maggio Culturale fu animato da mostre d'arte, come risposta di Brescia alla strage fascista del 1974 che in piazza della Loggia aveva colpito direttamente i lavoratori in una manifestazione sindacale: la cultura come momento di aggregazione e di riflessione. Il lavoro, oggi precario, flessibile, carico di insicurezza e nuova povertà o, più raramente, aperto, nella mobilità e nella pluralità di ambienti, a nuove esperienze.

Brescia, città simbolo dell'industria e dello sviluppo economico - cui deve la ricchezza di decenni - laboratorio di nuovi modelli di lavoro e organizzazione sociale, nel recupero della memoria della fatica e della dignità del lavoro può trovare il senso della propria storia recente.

Attraverso una selezione di opere della Raccolta Cgil, donate nei decenni da importanti artisti italiani, e di altre opere del Museo del Premio Suzzara, dedicato dal 1948 al tema arte e lavoro, nella mostra Capo / Lavoro.

Arte e impegno sociale nella cultura italiana attraverso il Novecento si potranno rileggere forme e condizioni di lavoro e figure di lavoratori in un contesto che muta nel corso della storia e da fatica delle braccia si trasforma sempre più in lavoro delle macchine, fino alle forme più vicine a noi sul versante di una condizione automatizzata e informatizzata.

La mostra si articola in due momenti: l'Anteprima dal 23 maggio all'8 giugno 2014, annuncia, attraverso poche opere esemplificative, i temi della mostra vera e propria Capo / Lavoro, che sarà allestita nello stesso Museo di Santa Giulia dalla metà di ottobre 2014 con circa 70 opere.

Nell'anteprima, con un celebre studio del 1951 di Renato Guttuso dedicato alla Battaglia di Ponte dell'Ammiraglio si aprono finestre sul lavoro bracciantile nei campi e nell'edilizia (le Mondine di Giuseppe Migneco, il Muratore di Remo Pasetto), sul lavoro femminile (la Tessitrice di Piero Martina), sul lavoro nel mare (il cantiere navale ne Il lavoro di Tato, i Pescatori di Ugo Attardi), la fabbrica (La raffineria di Paolo Ricci, il Cantiere brasatori di Alberto Nobile), sul grande tema sociale dell'emigrazione.(la Famiglia di emigranti di Alberto Sughi).

Nel percorso della mostra Capo / Lavoro da un'Italia arcaica, artigiana, contadina, in cerca di pane anche nell'emigrazione, si passerà alla celebrazione dell'eroismo dei costruttori del mondo nuovo, al realismo che celebra il lavoro come immane fatica ma anche come progresso, all'avvento della fabbrica come paesaggio moderno, alle lotte bracciantili e sindacali del dopoguerra, alla scomparsa del lavoro tradizionale, attraverso una raccolta significativa che rappresenta un frammento, non limitato, della ricerca artistica italiana specie nella seconda metà del Novecento, da Birolli a Guttuso, da Pizzinato a Romagnoni, da Plattner a Tadini, da Francese a Ceroli, da Pozzati a Valentini.

Veniteci a trovare
dal 23 maggio al 8 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: