Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

CUBO di K

Ex Liceo Artistico, Piazza Giovanni Maria Dettori, 9 - Cagliari Piazza Giovanni Maria Dettori, 9, Cagliari, Italia
Google+

LA NUOVA PRODUZIONE DI TEATRO IMPOSSIBILE:

"CUBO DI K"

di Felice Colucci

con
Felice Colucci Cristian Serrau Emanuela Lai

con la gentile collaborazione di
Elio Turno Arthemalle Vanessa Podda Luca Carta

REPLICA SABATO 31 MAGGIO ORE 21
ALL'EXART, PIAZZA DETTORI 9, CAGLIARI

per info e prenotazioni:

prenotazioni.ti@gmail.com

TRAMA:
Un uomo quasi insoddisfatto della propria vita cerca di migliorarla rendendosi protagonista di vicende architettate da lui, in cui mischia realtà (frasi dette o udite, oggetti rubati, pezzi di storie vissute da altri…) e finzione (frasi che avrebbe voluto dire o sentire, incontri che avrebbe voluto fare, o che vorrebbe fossero accaduti ad altri, …)
Questa idea gli viene mentre "ascolta" la vita degli sconosciuti che osservava per strada: ad alcuni attribuisce delle vite, delle storie, dei modi di parlare o di rapportarsi agli altri ed al mondo, che non hanno alcuna corrispondenza con la vita reale di quelle persone. E' allora necessario “estendere, aumentare” la realtà, cioè creare un universo in cui il mondo abbia le caratteristiche che egli ritiene debba avere; se la natura da sola non riesce a creare un mondo perfetto, secondo la sua idea di perfezione, è suo compito aiutarla a raggiungere l’obbiettivo che lui ha prefissato per lei.
Ecco come migliorare la realtà: costruendo storie nuove con elementi catturati nella vita reale.
Ma lui non vuole ridursi soltanto ad immaginare: agire con il suo corpo è l’ingrediente indispensabile a cui non può rinunciare.
Il corpo è protagonista perchè «la verità eterna dell’evento si coglie soltanto se l’evento s’inscrive anche nella carne»: si ferisce perché è il dolore il solo elemento che non può rubare agli altri: così il corpo si pone come l’elemento che àncora in maniera indissolubile le storie alla sua esistenza ed essenza d’uomo.

Veniteci a trovare
il 31 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: