Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

DIE DIE DIE, FUNERAL PARTY e THIS IS THE END: ULTIMI eventi al BLAH BLAH

BLAH BLAH via po 21, Torino, Italia
Google+

mercoledi 28 maggio
Ore 22 // gratuito
DIE!DIE!DIE!
La generazione in costante venerazione di idoli come Joy Division e Cure non
sembra essersi ancora esaurita del tutto, portando avanti in questo 2008 le
spigliate sonorità neo post-punk che tanti hanno abbracciato nel corso
dell'appena iniziato ventunesimo secolo. I nostri si chiamano Andrew Wilson
(chitarra e voce), Lachlan Anderson (basso) e alla batteria Michael Prain ed
insieme costituiscono il trio Die! Die! Die!, band neo-zelandese con all'attivo
un album omonimo datato 2005. L'ossessione della band per la ripetizione è
evidente sia nei nominativi (insomma, provate a dire in giro: “ho ascoltato il
nuovo album dei Die! Die! Die! che si intitola Promises, Promises” senza
sentirvi un po' in imbarazzo…) che nello stile, ovvero un ormai straconsolidato
mix di voci androgine e nervose accompagnato da un basso pulsante in primo
piano e da ritmiche frenetiche, il tutto mutuato da un unione tra post-punk
anni '80 e post-core anni '90. Eppure, nonostante la somiglianza con quei Love
Diagrams che l'anno scorso avevano trovato vari consensi, i nostri tre neo-
zelandesi riescono in qualche modo a lasciare il segno pure loro. Perché non
c'è niente da fare, sapendo manipolare per bene il genere in questione si
riesce “facilmente” ad essere incisivi e piacevoli. E così, attraversando le
tredici frenetiche canzoni del disco inevitabilmente ne usciamo divertiti e
coinvolti. Si tratta insomma di un lavoro decisamente omogeneo, apprezzabile
nella sua totalità per la capacità di seguire per ogni traccia un preciso e
pressoché identico standard formale, riuscendo però a non ripetersi nella
sostanza e a non annoiare grazie ad una continua e sferzante dirompenza
energica, ad un'impeccabile e ricca tecnica strumentale e ad un incedere
mozzafiato sempre tiratissimo. Difficile quindi trovare dei picchi, anche se va
citato il fulminante pezzo d'apertura dove ogni elemento si presenta nel
migliore dei modi: basso dal pulsare incessante e vorticoso, schitarrate
corrosive, voce febbrile e batteria lanciata in scatenate rincorse a velocità
più che sostenuta. Da qui niente pause a separare un pezzo dall'altro: si
tratta di una irrefrenabile corsa post-punk durante la quale si giunge alla
ossessiva e martellante Death To The Last Romantic, alla sconvolgente A.T.T.I.T.
U.D., dove allo spelling urlato si alternano strofe dominate da un'impeccabile
padronanza di melodie al fulmicotone, fino alla tiratissima title-track, per
giungere alla violentissima Throw a Fit ed infine alla più introspettiva,
seppur incandescente, Blue Skies. Si tratta senza ombra di dubbio dell'ennesimo
lavoro indie-rock/post-punk, ma eseguito con un'energia e con una maestria tale
da incantare anche l'ascoltatore più severo. E di questo bisogna tener conto

____________

Venerdi 30 maggio
dalle 19
A VERY SPECIAL...
BLAH BLAH FUNERAL PARTY
From dust to dust they create rock and roll
Sonic Youth
No good you say,
Well that's good enough for me.
Tom Waits
Ogni mese, in una location diversa, un personaggio della cultura è ricordato nel mese in cui ricorre la sua morte con una serata costruita da artisti provenienti dal mondo della letteratura, della musica, del teatro e dell'arte. Ernest Hemingway, Pier Paolo Pasolini, Édith Piaf, Kurt Cobain, J.D. Salinger, John Lennon, Sigmund Freud, Bettie Page sono solo alcuni dei grandi assenti dei passati Funeral Party in città. Candele, fotografie, abiti scuri rendono l'ambiente familiare e raccolto, senza tristezza, solo un po' di nostalgia.
Il Funeral Party è una festa in cui si promuovono artisti e opere contemporanee ispirate ai grandi che hanno fatto la Storia, perché è importante celebrare il passato, ma necessario non scordarsi del presente.
Venerdì 30 maggio si ribaltano i buoni propositi e, presa licenza, si devia dal consueto format che contraddistingue il party. Alla vigilia della chiusura del locale di via Po non si può che reagire organizzando una festa, e così il Blah Blah ha ben pensato di ospitare il suo Funeral Party. Sarà una festa per tutti: per chi ci ha messo radici o chi ha preso un caffè al banco, per chi non ci ha mai messo piede o per chi non si è perso un concerto, per chi vi ha trascorso le pause pranzo, per chi se ne è bevute tante e per chi ha ballato tutto. Le perplessità, la curiosità e la tristezza si lascino da parte, si prenda invece posto e si stia pronti ad omaggiare un pezzo importante della vita culturale e notturna di Torino. D'altronde se ne vanno sempre i migliori.
Dalla sera fino a tardi, attraverso dj set, visual, incontri e buona musica si riscoprirà il Blah Blah, ricordando cosa è stato e cercando risposte a quel che ne sarà.
E' gradito un abito scuro, magari una giacca di pelle.
Si comincia alle ore 19 con l'Aperitivo delle Buone Occasioni, una degustazione di piatti preparati dallo chef di casa da accompagnare a un buon bicchiere della cantina o a un frizzante spritz. A intrattenere gli avventori la selezione musicale del Funeral Dj Set per un'atmosfera di cordiale relax sulle note dei Grandi del rock in versione unplugged.
Dalle ore 21 sul palco del locale si alterneranno vecchie conoscenze, nuove leve, musicisti, attori, maghi, intrattenitori e così via.

ore 22.30
***VINYL VINYL LIVE SET***
Come New York insegna: non solo un concerto, non solo un party.
Protagonista della serata è il calore dei musicisti e dell'audience.
La band è composta da:
il fruscio del vinile, una sezione fiati, una voce,
una selezione di sonorità old school funky / breakbeat / disco
a cura di Andrea Di Maggio Passenger.
ANDREA DI MAGGIO PASSENGER * VINYL VINYL!
DIEGO GRASSEDONIO * SAX LOOPS EFFECTS
GIULIETTA PASSERA * VOICE EFFECTS

Da mezzanotte le luci si fanno soffuse e arriva il momento di lasciarsi andare. Che sia su una pista da ballo, in un cortile o in uno scantinato al Funeral Party si balla come i pazzi e così sarà anche con gli ospiti speciali dell'All Star Dj Set diretto da Troppo Red.
Per aggiornamenti sul programma visitare la Pagina Facebook di Funeral Party Torino.
Dalle ore 19: Aperitivo delle Buone Occasioni con Funeral Dj Set
Dalle ore 21 fino a mezzanotte: Triccheballacche, concerti, reading, improvvisazioni...e così via.
Dalle ore 24 fino a tardi: All Star Dj Set con Troppo Red e ospiti speciali, si balla come i pazzi


Sabato 31 maggio
dalle 19// gratuito
MELODY MAKER(S): THE END
Dj Blaster t. storico dj cittadino residente al BLAH BLAH dal primo giorno di apertura 21 marzo 2011 sarà in consolle insieme ad OSPITI SPECIALI con l'unica dancenight in centro città dedicata alle chitarre britanniche e made in usa, dall'indierock contemporaneo alle glorie del passato anglosassone.
Selezioni che non sgarrano tra Beatles, Who, Oasis, Blur, Strokes, Kasabian, Arctic Monkeys, Black Keys con l'aggiunta di chicche post punk, wave e ska (2 Tone).
Tantissimi vinili direttamente dalla collezione del nostro amatissimo dj di quartiere che per l'ULTIMO sabato, come sempre, cio accompagnerà dalle ore 19 con aperitivo in poi… con la conferma solenne che ANCHE QUEST'ULTIMO SABATO SERA al BLAH BLAH SI BALLERA' come se non ci fosse un domani...


NO coming soon.

Veniteci a trovare
dal 28 al 31 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: