Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

"Il treno va a Mosca" torna a Bologna al Cinema Europa

Europa Cinema via Pietralata 55, Bologna, Italia
Google+

Tutte le proiezioni saranno presentate dagli autori

Mercoledì 28 Maggio ore 19,00

Giovedì 29 Maggio ore 19,00

Venerdì 30 Maggio ore19,00

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=A0myNu2rxYU

- La fine di un mondo attraverso lo sguardo e i filmati 8mm del barbiere comunista Sauro Ravaglia. E’ il 1957 ad Alfonsine, uno dei tanti paesini della Romagna “rossa” distrutti dalla guerra. Sauro e i suoi amici sognano un mondo di pace, fratellanza, uguaglianza: sognano l’Unione Sovietica. Arriva l’occasione di una vita: visitare Mosca durante il Festival mondiale della gioventù socialista. Sauro e compagni si armano di cinepresa per filmare il grande viaggio. Ma cosa succede quando si parte per filmare l’utopia e ci si trova di fronte la realtà?



“Un poema lirico, visivo, musicale, politico, umano, esistenziale, storico, comico, struggente su cosa voleva dire il comunismo italiano e su cosa era l’Italia negli anni’50”.
Paolo Virzì


“Una ‘fetta’ di vita vera che riprende vita grazie al cinema, ben più autentica e toccante di qualsiasi immagine ricostruita”.
Paolo Mereghetti- IL CORRIERE DELLA SERA


“La storia del Sogno Sovietico che molti comunisti italiani hanno coltivato, dandogli una potenza che in certi momenti, e per certe persone, ha sfidato quella del Sogno Americano (…) Il treno va a Mosca racconta una Russia che non c’è mai stata e un’Italia che non c’è più”.
Alberto Crespi- L’UNITA’


“A politically savvy, superbly edited account of one Italian man’s shattering disillusionment with socialism at the 1957 World Festival of Youth. Documentary consumers need to board “The Train to Moscow: A Journey to Utopia,” a politically savvy, superbly edited trip back to the U.S.S.R.”
Jay Weissberg- VARIETY

Veniteci a trovare
dal 28 al 30 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: