Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Sciopero Nazionale di USB di 24 h del Trasporto Pubblico Locale

Unione Sindacale Di Base Campania Via carriera Grande, 32, Napoli, Italia
Google+

Negli ultimi anni il settore del TPL, insieme a tutto il comparto trasporti nazionale, ha ricevuto uno degli attacchi più violenti da parte dei governi europei, centrali e dagli enti locali, questi ultimi quasi sempre proprietari delle aziende.
Gli autoferrotranvieri hanno pagato per primi le politiche di austerità, in largo anticipo sulla spending review, visto che, dopo il pacco che hanno ricevuto con la favola del Contratto Unico della Mobilità, progetto miseramente naufragato e di cui, forse per vergogna, non se ne parla più, sono in attesa del CCNL dal 2007.
Inoltre è il settore lavorativo più marcatamente sotto attacco da molti anni, in termini di perdita di diritti, salario e garanzie.
Le recenti introduzioni di normative legislative per finanziare il TPL introducono meccanismi di premialità che stanno producendo effetti devastanti, infatti è evidente il taglio dei chilometri erogati, attraverso la riprogrammazione dei servizi, su tutti i territori regionali e proseguirà negli anni a venire.
I processi di privatizzazione in atto, che vedono tutti d'accordo, governi, sindacati collaborazionisti e parti datoriali, sono il grimaldello ulteriore per smantellare definitivamente diritti acquisiti, livelli occupazionali e garanzie salariali.
Per quello che riguarda il CCNL di settore è da qualche giorno ripresa la trattativa tra CGIL-CISL-UIL-UGL-FAISA CISAL, ASSTRA ed ANAV, sui punti programmatici stabiliti il 7/12/2012, trattativa che, l'anno scorso, ha trovato le prime sintesi il 26 aprile 2013 e l'8 luglio 2013, rispettivamente con le varie normative contrattuali che riguardano il risarcimento danni, la programmazione dei permessi legge 104, il CQC, la vendita dei titoli di viaggio a bordo mezzi ed il fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, quest'ultimo è l'ennesimo ente bilaterale gestito economicamente dai cinque sindacati citati e dalle parti datoriali.
L'ente che introduce gli ammortizzatori sociali, fino ad ora inesistenti, in una categoria che, viceversa, ha tutte le caratteristiche per essere indotto di assunzioni e posti di lavoro, visto l'enorme bisogno di mobilità locale di cui il paese ha bisogno.
Le prime notizie che giungono, riprese dai documenti circolanti e provenienti da ASSTRA ed ANAV sono un ulteriore attacco alla condizione di lavoro degli autoferrotranvieri, oltre a rappresentare una provocazione alla pazienza di ogni singolo addetto del settore!
Si attacca l'orario di lavoro, i riposi annuali, le ferie, è previsto il peggioramento dell'accordo sulle malattie ed infortuni del 2005 e ci sarà un monte ore di lavoro straordinario obbligatorio!
A questa provocazione la risposta del sindacato di comodo doveva essere solo quella della lotta ad oltranza, invece hanno ricevuto supinamente la rottura del dialogo da parte di ASSTRA ed ANAV.
Cosa speravano CGIL-CISL-UIL-UGL e FAISA CISAL?
Che i punti sottoscritti nel lontano dicembre 2012 potessero avere una trattativa al rialzo?
Questi signori sono in malafede ed è ormai evidente, bisogna mandarli a casa, senza se e senza ma!
In definitiva vogliono che gli autoferrotranvieri “PRODUCANO” di più, non si ammalino, facciano meno riposi, meno ferie e lavorino ore di straordinario obbligatoriamente, con buona pace per qualche spiraglio di nuove assunzioni.
USB ha presentato la sua piattaforma per il rinnovo del CCNL Autoferro ed ha richiesto di incontrare le parti datoriali, le quali glissano elegantemente; crediamo fermamente che il motivo del rifiuto è solo da ricercare nella comodità di avere interlocutori cosi maldestramente asserviti al padrone!
L'ultima legge di stabilità, infine, ha equiparato definitivamente, le aziende di TPL agli enti pubblici, aggiungendo ai tagli già in essere, quelli previsti dalla spending review.
Per questi motivi ci appelliamo a tutti gli autoferrotranvieri italiani affinché si convoglino tutte le energie per la lotta sull'unica vertenza che tutela gli interessi dei lavoratori TPL, contro un contratto nazionale a perdere voluto da CGIL-CISL-UIL-UGL e FAISA CISAL e contro le privatizzazioni che stanno portando solo ulteriori peggioramenti per il settore, a sostegno della piattaforma contrattuale presentata da USB e per il diritto alla mobilità dei cittadini, ormai mortificato da chi, in spregio alla stessa carta costituzionale, fa in modo che questa garanzia sia solo una chimera!
Il TPL sciopera insieme ai ferrovieri(28 e 29 maggio) ed al trasporto aereo(30 maggio), oltre che per una politica del trasporto generale che preveda una strategia complessiva di investimenti e mobilità sostenibile, piani industriali credibili e garanzie occupazionali e salariali per tutti i lavoratori del comparto, diretti, indiretti ed indotto, anche per i motivi elencati sopra.

Come si fa a non essere incazzati contro chi ci sta togliendo il futuro ed anche il presente?
30 MAGGIO 2014, SCIOPERO NAZIONALE DEL TPL DI 24 h, CONTRO I PROCESSI DI PRIVATIZZAZIONE, A TUTELA DELLE GARANZIE OCCUPAZIONALI E SALARIALI DEGLI ADDETTI AL SETTORE, PER IL DIRITTO ALLA MOBILITA' DEI CITTADINI, A SOSTEGNO DELLA PIATTAFORMA CONTRATTUALE PRESENTATA DA USB!
FA SENTIRE LA TUA VOCE ED IL TUO DISSENSO, SCIOPERA CON USB!

#iocimettolafaccia

#mandiamoliacasa

Veniteci a trovare
il 30 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: