Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Presentazione del libro “La Settimana Rossa 7-14 giugno 1914”

Biblioteca Malatestiana Piazza Bufalini 1, Cesena FC, Italia
Google+

In collaborazione con Fondazione Radici della Sinistra

In occasione del Centenario dell'evento che rese le città romagnole simili ad alveari irritati [Renato Serra]
Mario Guidazzi e Orio Teodorani
presentano

LA SETTIMANA ROSSA 7-14 GIUGNO 1914
La libertà non si vota. Si strappa
di Sara Samorì

oltre all’autrice partecipa Roberto Casalini

Negli anni turbolenti e drammatici che precedettero la prima guerra mondiale, l’Italietta dell’età giolittiana, attraversata dai fermenti rivoluzionari di repubblicani, anarchici e socialisti, assistette all’improvvisa fiammata della cosiddetta Settimana Rossa, nata ad Ancona dal seno di una manifestazione pacifista finita nel sangue. La fiammata insurrezionale assunse una particolare virulenza in Romagna, dove parve sfociare in una vera e propria rivoluzione. Lo sciopero generale immobilizzò le città, le bandiere rosse e nere di repubblicani, socialisti e anarchici corsero le strade, in un movimento di popolo agitato da tensioni ed entusiasmi, come se si fosse alla fine di un mondo e all’inizio di una nuova epoca. Renato Serra ci consegna l’immagine di città che rombavano come alveari irritati, ma anche ci dà conto della fragilità del movimento; Rino Alessi rappresenta con particolare vivacità, nei suoi articoli di allora e poi in Calda era la terra, l’epopea di quei giorni straordinari in città e paesi del Ravennate.
Il libro di Sara Samorì ricostruisce, in una sintesi suggestiva e coinvolgente, la grande avventura della Romagna rossa, rendendocene i colori, le passioni, le attese, i protagonisti e, infine, il rapido spegnersi del fervore rivoluzionario, come imploso in se stesso. Penserà la grande guerra a trascinare altrove la vita e la morte degli uomini [rc].

Veniteci a trovare
il 31 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: