Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

SPONSORIZZA ANCHE TU IL FILM, GIULIA E LE ALI RUBATE

Palermo Palermo, Italia
Google+

Giulia e le ali rubate, il film storia vera che si girera' in autunno 2014 in Sicilia, in Calabria, in Puglia, nel Lazio, in Lombardia ed in Liguria. L'evento in pillole...........NON SI ESCLUDE LA POSSIBILITA' DI INIZIARE IL PRIMO CIAK GIA' IN PRIMAVERA 2014

Giulia Montera nasce a Corigliano Calabro presso l'ospedale il 30 Marzo 2010. Maria madre della piccola per ben nove mesi è stata seguita nel reparto di Ostetricia e ginecologia. Una gravidanza normale come tante. Dopo svariate ecografie di routine e dopo diverse eco morfologiche si decide senza alcun motivo di urgenza di effettuare parto cesareo. Nel periodo dei nove mesi di gravidanza si evidenziava un quadro della nascitura in perfette condizioni di salute: nessuna anomalia è mai stata evidenziata durante le visite pre-parto. Al momento della nascita avvenuto il 30 marzo 2010 presso il blocco operatorio del locale ospedale e dopo circa 105 minuti di permanenza in sala operatoria al momento in cui è mostrata la bimba al papà Gabriele lo stesso evidenzia sulla neonata una patologia denominata "piede torto bilaterale" mai evidenziatasi nel corso dei nove mesi di controlli ecografici. Dopo circa sette giorni dalla nascita e dopo controlli e visite continue Gabriele e Maria avvertono che le cose non vanno qualcosa e’ andata storta da parte di tutti i medici in forza al reparto di pediatria del locale ospedale in quei giorni di servizio. Giulia è dimessa a dire dell'equipe medica in discrete condizioni di salute. Intanto i genitori della piccola Giulia che nel frattempo perde peso e non si alimenta trascorsi altri 4 gg decidono di partire per Roma, ma non ci sono i soldi allora si va a prestito. Il 12 Aprile Giulia viene ricoverata presso un' Ospedale pediatrico di eccellenza a Roma in regime d'urgenza con codice rosso e messa in incubatrice. Nuovo problema mancano i soldi. S'inizia una battaglia sul social network facebook per richiedere aiuti. In data 30 aprile 2010 la piccola Giulia viene dimessa dal reparto di terapia intensiva neonatale e dallo stesso presidio ospedaliero Romano con diagnosi di: scarso accrescimento; reflusso gastroesofageo; piede torto equino varo supinato bilaterale e disturbi dell'alimentazione. Giulia deve ritornare a Roma in ospedale ogni 10 gg. a controllo. Nuovo problema mancano i soldi... s'inizia una nuova battaglia su "fb" per richiedere aiuti. In data 2 giugno 2010 la piccola ritorna all' ospedale della sua citta' dovo nacque poichè torna a star male ma neanche in quest'occasione è diagnosticato nulla. Anzi dopo continue insistenze da parte di papà Gabriele è trasferita con il 118 all'ospedale della provincia dove vi rimane ricoverata per quattro giorni. L’ '8 giugno viste le condizioni di salute della piccola e dato che anche qui non ci avevano capito nulla i genitori decidono per una nuova partenza e Giulia viene nuovamente ricoverata a Roma presso l'ospedale pediatrico in regime d'urgenza nel reparto di neurologia. Solito problema mancano i soldi. Si ritorna su fb per richiedere fondi. Dopo circa venti giorni la bimba è dimessa con la diagnosi di: epilessia focale in bambina con malformazione celebrale; ritardo neuro motorio; sospetta Pachigiria lesione del tronco celebrale. I genitori stavolta devono ritornare ogni venti gg a Roma per controlli. Il 15 febbraio 2011 Giulia ha problemi di respirazione, diventa cianotica, pertanto è accompagnata ancora una volta all'ospedale natio per gli accertamenti del caso passando prima come prassi dal locale presidio di ps. Dopo vari accertamenti tra cui rx torace ed eco-addome il personale preposto diagnostica che la piccola sta bene e quindi è dimessa. La piccola sfortunata continua a peggiorare e i genitori ripartono il 20 febbraio a Roma per il terzo ricovero sempre presso il l'ospedale Romano. Il problema economico si presenta ancora come sempre: "ennesima richiesta di aiuto sulle pagine di "fb". Giunti a Roma qui in contrasto con le diagnosi dei medici dell'ospedale della sua citta' ricoverano la bambina. Per Giulia si aprono le porte del reparto di bronco pneumologia e dopo accertamenti è trasferita nel reparto di chirurgia digestiva dove subisce tre operazioni: piloristomia; nissen e Peg Cinque ore d'intervento poi la rianimazione e finalmente Giulia riapre gli occhi. E' fatta! Papà Gabriele tornato a casa stanco e avvilito si rivolge alla magistratura per denunciare i fatti. Oggi Giulia ha tre anni e mezzo e continua nei viaggi della speranza pellegrinando tra: Ospedale di Roma; di Milano e di Lecco. Si apre uno spiraglio per Giulia le cellule staminali e quindi l'America od il Canada. Stavolta il problema economico è veramente oneroso e non bastano gli amici di Facebook per risolvere i problemi occorre inventarsi qualcosa. Proprio durante un soggiorno a Reggio Calabria per uno spettacolo pro Giulia nasce l'idea condivisa con gli amici locali di realizzare un film su "Giulia Montera una vita spezzata". Prende subito corpo l’idea, il Grande sceneggiatore Mauro Graiani e l’ormai conosciuto al grande schermo il regista Marco Limberti scelgono di aiutare la famiglia della piccola Giulia e si mettono a disposizione, ognuno per le sue competenze, della famiglia e della piccola Giulia. Il titolo del film storia vera ben presto arriva come giunge in modo del tutto gratuito la sceneggiatura. Il film si titolera’ " Giulia e le ali rubate" . Il regista e tanti attori sono pronti, tutti a titolo gratuito ma ora mancano i soldi per girare il film e distribuirlo. Aiutateci Voi, insieme presto il film puo’ diventare realta’ . Tre le tipologie di sponsorizzazione che cerchiamo. La prima prevede la pubblicita’ il passaggio d’azienda con i titoli di coda ed e’ pari ad euro 2.500, la seconda opzione e’ pari ad euro 5.000 e prevede oltre ai titoli di coda, la ripresa in piu’ occasioni durante il film del prodotto, la terza ed ultima opzione, oltre ai titoli di coda e la ripresa del prodotto in piu’ occasioni durante il film, e’ pari ad euro 10.000 e prevede anche un’intera scena girata all’ interno dei locali sponsorizzati con una sceneggiatura che sara’ appositamente creata ad ok.

Veniteci a trovare
dal 21 ottobre al 30 novembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: