Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Paola Rattazzi “TRA.ME Paesaggi interiori”

Palazzo Ottolenghi Asti AT, Italia
Google+

31 maggio - 22 giugno 2014
Palazzo Ottolenghi
Corso Alfieri, 350 - 14100 ASTI

Inaugurazione: Sabato 31 maggio, ore 18:00

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Si inaugura sabato 31 maggio a Palazzo Ottolenghi, con il Patrocinio del Comune e della Fondazione Palazzo Mazzetti di Asti, la terza delle sette mostre di arte contemporanea previste nell’ambito della rassegna “Crêuza de ma. Mulattiere d’arte e di confine”, organizzate in concomitanza della mostra “Asti nel Seicento”, l’importante evento culturale allestito a Palazzo Mazzetti.

Protagonista di questo appuntamento è il progetto di Paola Rattazzi "TRA.ME Paesaggi interiori”, una mostra curata da Paolo Infossi. Un’ampia rassegna, che raccoglie una quarantina di opere tra dipinti e sculture, dove l’artista affronta il tema del rapporto dell’individuo con la sua terra di origine; dalle tradizioni popolari ai legami affettivi, gli intrecci che compongono la trama di un “vissuto”.

Nei suoi quadri, Paola Rattazzi, sovrappone vari strati di materia e di colore, così come i ricordi e le emozioni si sedimentano in noi. Nascono così i suoi paesaggi, i campi coltivati, i frutteti, opere di notevole sensibilità lirica che intendono rappresentare il riavvicinamento alle sue radici, attraverso il recupero della memoria come patrimonio primordiale, l’inesauribile fonte a cui attingere per mantenere un contatto, aprendo un varco, tra passato e presente. I suoi lavori si collocano nel ricordo che ci lega al nostro territorio e alle relazioni che in quei luoghi sono nate e si sono consumate.

Scrive Paolo Infossi: «… Sono paesaggi reali o immaginari, luoghi e non luoghi, raccolti in impressioni che riflettono le sue profonde emozioni cogliendone il senso, il riflesso, il respiro, l’attimo. In questi lavori il paesaggio e l’anima, sono strettamente legati, connaturati. Intimamente legati come s’incontra di rado nel lavoro di un artista. Anima e paesaggio, descritti con toni avvolgenti e coinvolgenti. Parlano della natura, catturandone gli elementi sostanziali, per svelare un ambiente ideale, un paesaggio affettivo, che diviene anche “casa” …»

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Orari:
da martedì a domenica dalle 10.30 alle 19.30
(ultimo ingresso 18.30)
giorni festivi sempre aperto
lunedì chiuso (ad eccezione del 2 giugno)

Ingresso libero

paolarattazzi.wordpress.com

Veniteci a trovare
dal 31 maggio al 22 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: