Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

BRUNORI SAS

Anfiteatro Le Cascine Firenze Firenze, Italia
Google+

Ci ha conquistato con i ricordi della sua “Guardia 82”, ci ha commosso cantando le vicissitudini di (noi) Poveri Cristi. E adesso torna con “Il Cammino di Santiago in taxi”, storie agrodolci, ironiche, romantiche, in perfetto stile Brunori. Gran momento per il cantautore calabrese.

Registrato con lo studio mobile di Vinicio Capossela, in un ex-convento di Cosenza), “Vol. 3 - Il cammino di Santiago in taxi” esce per quella Picicca Dischi fondata dallo stesso Brunori insieme a Simona Marrazzo e Matteo Zanobini. 11 brani che, come fotografie, ritraggono il presente attraverso la poetica semplice, romantica e ironica di Dario Brunori, con cui ha già ottenuto un Premio Ciampi e una Targa Tenco.

“Il cammino di Santiago in taxi è, anzitutto, una storia vera – spiega lo stesso Brunori - storia di una signora “bene” che decide di coniugare, a suo modo, ricerca spirituale e massimo comfort. Ma non di lei si parla in questo disco. Tanto meno del cammino di Santiago di Compostela.

Il tema dell’album è, a grandi linee, la tensione (in me irrisolta) tra profondità e superficie, tra cuore e cervello, o meglio tra cervello emotivo e cervello razionale, ed in particolare l’attrito fra due concetti diametralmente opposti.

Da un lato il convincimento romantico/ottocentesco che il “tesoro” della vita sia nascosto in profondità e che perciò necessiti di fatica, impegno e pazienza per poter essere scovato. Dall’altro, l’attitudine (imperante nella nostra epoca) di fuggire da quegli stessi valori per frazionare l’esperienza e il senso dell’esistenza in una miriade di piccoli gesti spettacolari, divertenti, medi(ocri?), veloci, superficiali, privi di sacralità.

Sono nato alla fine degli “impegnati” anni ‘70, e poi cresciuto nei “frivoli” ‘80, per cui in me, lo confesso, convivono (non sempre beatamente) entrambe le attitudini. Una contraddizione in termini tra anelito alla profondità e desiderio di arrivarci il più presto possibile per passare a fare altro…”

Veniteci a trovare
il 3 luglio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: