Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

MANGIARE BERE DORMIRE – Storie di badanti e badati

San Lorenzo Al Mare (IM) San Lorenzo Al Mare IM, Italia
Google+

31 MAGGIO ore 21
TEATRO DELL'ALBERO - San Lorenzo al Mare, Imperia

MANGIARE BERE DORMIRE – Storie di badanti e badati Regia di Riccardo Sottili

di
DANIELA MOROZZI -LEONARDO BRIZZI
con
DANIELA MOROZZI -LEONARDO BRIZZI -MARIA GRAZIA CAMPUS

poesie tratte da “Ricordi di Alzheimer” di ALBERTO BERTONI
collaborazione ai testi VALERIO NARDONI
immagini fotografiche MONIQUE ERBA ROBIN
scene e luci BEATRICE FICALBI
audio OMIKRON – SIMONE BELLOMO
voci registrate RICCARDO SOTTILI – MARCO ZANNONI

E' possibile acquistare i biglietti anche online, collegandosi al sito www.ilteatrodellalbero.it. Per informazioni e prenotazioni info@ilteatrodellalbero.it, Cell. 3477302028

*************************************************

“Sono la badante straniera quella che improvvisamente entra nella vostra casa , nella vostra vita
per affiancarvi nella cura dei vostri affetti più cari...
Io porto con me la mia differenza: il suono della mia lingua, il colore della mia pelle, le abitudini e
le tradizioni della mia terra,
io porto con me i ricordi di quello che sono e di quello che ho lasciato, i miei amori, i miei amici,
la mia famiglia.
Insieme possiamo dare un senso alla vecchiaia, alla malattia, alla morte... e quindi alla vita.”

Con questa lettera si congeda dal pubblico 'la badante straniera' al termine di “Mangiare, bere, dormire”: vite vissute e raccontate da donne in carne e ossa.

Attraverso il linguaggio proprio del teatro e della musica abbiamo portato sulla scena una realtà sempre più radicata e necessaria del nostro paese e troppo spesso sottovalutata, relegata nell’anonimato delle mura domestiche o sulle pagine dei giornali, magari l’otto marzo, oppure durante gli sbarchi dei clandestini, cioè nei periodi in cui anche l’immigrazione è una notizia.

Le domestiche e le badanti nelle famiglie italiane, regolari, parzialmente regolari e irregolari sono 1.538.000. Le famiglie italiane che ricorrono al loro aiuto: 2.412.000.
In regola solo il 38,2 %
donne 82,6 %
straniere 71,6 %
In maggioranza provengono dai paesi dell'Europa Orientale
23,2 % ha un titolo di studio di scuola media superiore
2,5 % ha una laurea
La retribuzione netta mensile:
straniere/i 971 euro
italiane/i 1.258 euro
ma il dato medio è molto disomogeneo
22,9% meno di 600 euro
44,7% da 600 fino a 1000 euro

26,5 % del totale (quasi tutte straniere) alloggia in casa del datore di lavoro

Il terreno dell’accoglienza e dell’inclusione si gioca proprio qui, all’interno delle nostre case, attraverso le nostre nonne, nonni, madri e padri, quei badati portati nello spazio scenico attraverso le poesie di Alberto Bertoni e i suoi 'Ricordi di Alzheimer'.

C'è sempre un'opportunità nel conoscere le vite degli altri. Sono le vite dei nostri vecchi e vecchie, disabili, malati e malate, di coloro che più spesso non possiamo, e qualche volta non vogliamo, curare perché non abbiamo tempo, perché è troppo difficile confrontarsi con la malattia, perché non abbiamo la forza quotidiana per sollevare il peso di un corpo inerme, perché è inaccettabile lo sguardo imbecille di un'intelligenza che fu acuta. Sono le vite delle persone che per un bisogno di rinascita vanno via dalle mille difficoltà del paese d'origine, per la guerra, per la miseria, per provare a immaginare un futuro. Sono vite che non iniziano nel momento in cui intrecciano i loro bisogni. Sono vite che hanno storie importanti, storie che se conosciute e ascoltate assottigliano la distanza creata dall'ignoranza di chi non sa e non è curioso di sapere.

Lo spettacolo nasce dalla collaborazione con l’Associazione Interculturale di Donne Nosotras, all'interno del Progetto NerArgento finalizzato al contrasto dei fenomeni di discriminazione nei confronti delle donne che svolgono lavoro di assistenza familiare.

Veniteci a trovare
il 31 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: